rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cultura

Fumata bianca: arriva in estate il Villa Olmo Festival

Determinante la sinergia del Comune con il Teatro Sociale

"Sono molto molto contento". Queste le prime parole del sindaco Mario Landriscina alla presentazione del Villa Olmo Festival 2021. "Coinvolgere il Teatro Sociale è stato fondamentale. Vogliamo vivere un'esperienza diversa per ripartire nel segno della continuità. E in questo senso - ha aggiunto Landriscina -  abbiamo trovato molta disponibilità. Occorre dimenticare la solita visione verticale degli eventi, dove ognuno pensava a se, per passare a una visione d'insieme nella traccia delle sinergie". 

Soddisfazione anche da parte di Barbara Minghetti, qui in veste non di "avversario" politico ma di rappresentate del Sociale, realtà che ha contribuito con la sua storia a mettere da parte ogni divergenza istituzionale in nome della cultura. "Innanzitutto voglio ringraziare l'assesore Cioffi e il sindaco Landriscina per la disponibiltà a investire su questo progetto che si sviluppa su due anni. Di fatto abbiamo trasferito il Festival Como Città della Musica dall'Arena a Villa Olmo. Si  svolgerà interamente nel parco e nelle prossime settimane annunceremo il programma. Gli eventi degli Intorno li porteremo invece in periferia. Come Aslico crediamo molto in questa occasione ed è per questo che abbiamo investito nel palco di Villa Olmo che da solo costa 150mila euro".

Il Comune ne ha messi a disposizione 40 ma è chiaro che ora si spera che si facciano avanti gli sponsor privati per sostenere i costi che non potranno essere coperti interamente nemmeno dagli eventi che saranno proposti a pagamento. Con le norme attivo al momento il massimo degli spettatori consentito è di 1000. Per tutti gli eventi, anche quelli gratuti sarà prevista la prenotazione. Per gli orari molto dipenderà anche dalla revisione o meno del coprifuoco serale.

minghetti landriscina cioffi-2

Villa Olmo Festival
30 giugno al 15 agosto 2021

Una manifestazione fortemente voluta dal Comune di Como, realizzata, come detto,  in collaborazione con il Teatro Sociale di Como / AsLiCo, partner principale del progetto, e con il coinvolgimento delle realtà culturali più significative e attive sul territorio, che per la prima volta sono chiamate a condividere una sede, un piano di rilancio, un progetto per amplificare e armonizzare la risonanza di manifestazioni storiche e altre di nuova genesi.                                                                                          

Villa Olmo, luogo simbolo del Lario, per storia, bellezza, architettura, per otto settimane consecutive, 45 giorni (dal 30 giugno al 15 agosto), nelle diverse aree del parco e della villa sarà vissuta in ogni ora del giorno e della sera con un ricco calendario di appuntamenti. Sono previsti anche sport e diverse discipline proposte ai visitatori, con l’aiuto delle associazioni e dei club sportivi comaschi, attività fisiche all’aria aperta (come ginnastica e risveglio corporeo nelle prime ore del mattino), oltre che un’area, sempre aperta durante le ore diurne, destinata a bambini e famiglie, che potranno accedere a laboratori didattici di vario tipo; anche le sale interne ospiteranno altri appuntamenti in via di definizione e, quasi ogni sera, il parco ospiterà spettacoli destinati a diverse fasce di pubblico, con una programmazione il più possibile eterogenea che porterà sul palco danza, prosa, musica.

Sarà possibile in questo modo creare una sinergia virtuosa tra le singole realtà che già propongono un’offerta nei mesi estivi, in modo che ciascuna possa apportare il proprio contributo e tutte abbiano l’occasione di concorrere alla rinascita culturale e artistica di Como, meta tra le più ambite dal punto di vista turistico. Il Villa Olmo Festival non intercetterà solo le istituzioni del territorio: tra gli obiettivi c’è anche quello di creare un ponte importante con Milano, con l’Estate Sforzesca 2021, in un’intesa desiderata e auspicata dagli assessorati alla Cultura delle rispettive città.

balletto-2

Ad aprire le danze il 30 giugno sarà la XIV edizione del Festival Como Città della Musica con un balletto, Pièces Courtes, in prima assoluta in Italia, a cura del Béjart Ballet di Losanna. Lo spettacolo è strutturato in cinque quadri in cui le coreografie di Maurice Béjart si staglieranno su musiche tratte ora da Verdi, Bach, Brel e Chopin: poesia ed eleganza in uno dei luoghi simbolo della città, destinato a diventare dimora dell’arte e della cultura, delle manifestazioni estive negli anni a venire. La programmazione del XIV Festival Como Città della Musica verrà

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fumata bianca: arriva in estate il Villa Olmo Festival

QuiComo è in caricamento