The Orphane Brigade, nuovo superlive a Cantù il 1° novembre

Tutto nasce quando tre songwriter, Ben Glover, Neilson Hubbard e Joshua Britt, decidono di incidere un nuovo album e filmare un documentario nell’Octagon Hall a Franklin, nel Kentucky, un edificio dell’epoca della guerra civile posto un tempo...

orphane

orphane

Tutto nasce quando tre songwriter, Ben Glover, Neilson Hubbard e Joshua Britt, decidono di incidere un nuovo album e filmare un documentario nell’Octagon Hall a Franklin, nel Kentucky, un edificio dell’epoca della guerra civile posto un tempo al centro di una piantagione e che si dia il caso essere ora infestato dai fantasmi: sicuramente uno dei più inquietanti luoghi d’America. Il nome del progetto non poteva che essere una citazione dell’epoca: l’Orphan Brigade era infatti l’appellativo di un gruppo di combattenti del Kentucky particolarmente attivo durante la Guerra di Secessione.

L’ispirazione per questa potente combinazione di musica Roots e Storia sudista, proviene dalle vicende stesse della Octagon Hall, dalla lettura di scritti, poesie e testimonianze dei soldati secessionisti e unionisti che proprio in quei luoghi hanno combattuto e perso la vita per i propri ideali. I tre songwriter hanno così vestito i panni di padri, madri, mariti, amanti e migranti, cantando dei loro sogni, delle tribolazioni e delle loro speranze. Le voci graffianti dell’irlandese Ben Glover e degli americani Neilson Hubbard e Joshua Britt sembrano fatte apposta per proiettarci nelle atmosfere tormentate di questa epoca lontana. Dal vivo li troviamo martedì 1 novembre, alle 21, sullo storico palco del Live Club All'1&356circa. di Cantù.

https://www.youtube.com/watch?v=yST8dfdmF7g

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento