Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Nomadi, concerto al Casinò di Campione: dai nuovi ai vecchi successi

I Nomadi si apprestano a festeggiare le nozze d'oro con il palco: nel 2013 la band compierà 50 anni. La più longeva della storia della musica italiana, la seconda nel mondo dopo i Rolling Stones, come piace ricordare a Beppe Carletti, tastierista...

I Nomadi si apprestano a festeggiare le nozze d'oro con il palco: nel 2013 la band compierà 50 anni. La più longeva della storia della musica italiana, la seconda nel mondo dopo i Rolling Stones, come piace ricordare a Beppe Carletti, tastierista e fondatore del gruppo. Lo abbiamo incontrato ieri (sabato 8 dicembre 2012) nei camerini del Casinò di Campione d'Italia dove i Nomadi si sono esibiti con nuovi e vecchi successi. Lo sguardo è sempre rivolto al futuro, ma i ricordi affiorano sempre. Vivere di musica da quando si hanno 16 anni (oggi Carletti ne ha 66) non capita a molti artisti. Il successo va e viene, eppure tra i dischi più venduti in Italia nel 2012 ce ne sono due ai quali hanno partecipato proprio i Nomadi: le registrazioni del Concerto per l'Emilia (Bologna) e Italia Loves Emila (Campovolo). "Questo è stato un anno troppo bello - ha detto Carletti - ho organizzato il concerto di Bologna, del quale sono stato direttore artistico. Grandi responsabilità ma anche grandi soddisfazioni, c'era un'emotività da far paura. A Reggio Emilia, invece, ho solo partecipato come artista e mi sono divertito. Due concerti irripetibili".

Il concerto di Campione ha visto i Nomadi, come detto, cimentarsi in nuovi e vecchi successi attraverso una scaletta di 20 canzoni: dopo Amici miei (1981) Ancora ci sei eTerzo tempo dall'ultimo album intitolato Terzo tempo (2012) del quale hanno suonato anche Tarassaco e Apparenze. Per poi chiudere, dopo quasi un'ora e mezza di concerto, con un'infilata di tre successoni storici: Canzone per un'amica, Dio è morto, Io vagabondo. Il tutto coronato dal Tedeum, vale a dire la sigla dell'Eurovisione.
Si parla di

Video popolari

I Nomadi, concerto al Casinò di Campione: dai nuovi ai vecchi successi

QuiComo è in caricamento