Motivi di famiglia, a Brunate tornano le indagini di Emma Bonsanti

  • Dove
    Biblioteca Comunale
    Indirizzo non disponibile
    Brunate
  • Quando
    Dal 07/12/2019 al 07/12/2019
    Alle 17.30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
Aldo Pagano

Uno dei libri più interessanti di questa stagione letteraria è certamente Motivi di famiglia, il secondo romanzo di Aldo Pagano (qui la nostra intervista) pubblicato da Piemme. Il volume sarà presentato sabato 7 dicembre, alle 17.30, alla Biblioteca di Brunate. L'autore dialoga insieme al giornalista Maurizio Pratelli

Motivi di famiglia (Piemme)

La ragazza è sdraiata sulla pancia, vicina al bordo della piscina comunale. È nuda, il viso coperto dai lunghi capelli biondi, e persa in un sonno profondo. Questo, almeno, è ciò che pensa Rosario, anziano custode della piscina con lontani precedenti penali. Che ha un altro pensiero, guardando quel corpo statuario che mai più gli capiterà così disponibile: vuole approfittarne. Quando i suoi occhi le si posano sul volto, però, l’uomo capisce che la ragazza non sta dormendo. È morta. È stata uccisa. E lui ora può solo fuggire. Il pubblico ministero Emma Bonsanti è tornata da qualche tempo a Bari, dove aveva vissuto un’adolescenza resa drammatica dalla violenza politica, dopo lunghi anni trascorsi in una Milano da cui è scappata per il suicidio di un suo indagato. Il caso di Alessia Abbrescia, una ragazza di appena diciott’anni, bellissima e di ottima famiglia, la scuote nel profondo. Perché c’è qualcosa che dicono di lei i genitori e gli amici, una figlia modello, senza nemici, né piccole grandi tristezze o colpi di testa da adolescente, che stride con la sua morte, con il luogo e la modalità in cui è stata ritrovata. E poi nella vita di quella ragazza, nel rapporto difficile con una madre ingombrante non riesce a non rivedere se stessa. E allora vale la pena andare a fondo, cercare sotto la superficie offuscata dalle testimonianze per scoprire chi era realmente la vittima e trovare il colpevole. Svelando a uno a uno i segreti di una società falsa e accecata dal potere, dove tutto e tutti sono sacrificabili, Emma si troverà di fronte a una realtà drammatica che, forse, non avrà voglia di guardare. Un giallo potente sui segreti di ogni famiglia perfetta. Segreti che, quando emergono in superficie, distruggono ogni cosa.

Pagano2222-2

Perchè leggere Motivi di famiglia, ce lo spiega l'autore

Perchè è un giallo il cui episodio scatenante parte da un indagine. Perché è il romanzo di un ex giornalista che ha riportato cio che ha studiato da suoi contatti diretti. Perchè ci sono persone dentro Piemme che mi hanno fatto sapere che il tema dell'adolescenza, per come l'ho trattato io, è molto raro da leggere. Credo sia utile anche per farlo capire ai figli. E poi c'è anche la tematica sociale: faccio domande contemporanee e civili, in particolare sulla questione ancora apertissima del testamento biologico.

Aldo Pagano

Nato a Palermo nel 1966, ha vissuto a lungo a Roma, Bari, Milano, Como. Ex giornalista ed ex sommelier, fra le tante altre cose che ha fatto gli piace ricordare gli anni nelle pubbliche relazioni e il lancio di un chiosco da spiaggia. La protagonista di Motivi di famiglia, il pubblico ministero Emma Bonsanti, è apparsa anche nel suo primo romanzo, La trappola dei ricordi, pubblicato nel 2015 da Todaro e in corso di ripubblicazione per Piemme.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Rally di Como, record di presenze per l'attesa edizione 2019

    • Gratis
    • dal 25 al 26 ottobre 2019
    • Vedi percorso
  • StreetScape8, a Como è l'anno del toro (sdraiato)

    • Gratis
    • dal 12 ottobre al 17 novembre 2019
    • Varie sedi
  • Campo quadro in Pinacoteca a Como, ecco il calendario delle mostre del 2019

    • dal 3 febbraio 2019 al 12 gennaio 2020
    • Pinacoteca Civica
  • In Pinacoteca a Como: “Mario Radice: il pittore e gli architetti. La collaborazione con Cesare Cattaneo, Giuseppe Terragni, Ico Parisi”

    • dal 13 giugno al 24 novembre 2019
    • Pinacoteca Civica
Torna su
QuiComo è in caricamento