Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Carnevale di Schignano, un'arte antica

Le telecamere di QuiComo sono andate alla scoperta del carnevale di Schignano la manifestazione carnevalesca più antica e famosa della provincia di Como. La particolarità di questa manifestazione sta nella sua forza teatrale che trasforma le vie...

Le telecamere di QuiComo sono andate alla scoperta del carnevale di Schignano la manifestazione carnevalesca più antica e famosa della provincia di Como. La particolarità di questa manifestazione sta nella sua forza teatrale che trasforma le vie della paese in un vero e proprio palcoscenico. Le maschere protagoniste di questo spettacolo sono i Bej e i Brutt caratterizzate entrambe da maschere di legno scolpite a mano dalla radice di noce. I Bej sono i ricchi, sono vestiti in modo elegante , con cappelli di piume, ricche collane, nastri e colori sgargianti, I Brutt rappresentano i poveri, sono vestiti di pelle di pecora e tute da lavoro, sono deformati dalla paglia che si infilano sotto il costume che li rende goffi e grotteschi.

Le sfilata

La rappresenzazione ha inizio nella piazza principale dove i Brutt corrono suonando capanacci di bronzo verso gli spettatori che devono scansarli, e gettandosi a terra ancora rotolando a terra come morti mettono in scena una vita dura, povera, ricca di sofferenze. I Bej (o Mascarun) fanno sfoggio delle loro ricchezze con gesti teatrali ignorando completamente le altre maschere. rappresentano cosi una umanità vanitosa.

Altre maschere rappresentative dal carnevale schignanese sono Sapeaur e La Sigurtà che sono le maschere che guidano la manifestazione, e la Ciocia, la moglie del Mascarun che impreca continuamente verso il marito-padrone. Altro personaggio chiave di questo carnevale è il Carlisep, un fantoccio che resta esposto per tutto il periodo dei festeggiamenti e, il martedì grasso, prende vita e cerca di fuggire al fuoco che, alla sera, lo brucerà chiudendo definitivamente i giorni del carnevale.

Il programma:

Martedì 8 marzo: incontro con i Sapeur alle 13.45 e ritrovo in piazza S. Giovanni per le 14.15 per la tradizionale sfilata. Alle 16.30 scena con il Carlisep. Alle 21.00 ballo in maschera presso la Sala Carpigo con la Fugheta di Schignano. Ore 24.00 rogo del Carlisep in piazza S. Giovanni.
Si parla di

Video popolari

Il Carnevale di Schignano, un'arte antica

QuiComo è in caricamento