Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Festival del cinema di Como, premiati i film vincitori

Il Festival del cinema italiano a Como è giunto alla premiazione del concorso cinema italiano 2.0. Due i premi consegnati durante la serata al cinema Astra di sabato scorso: uno assegnato dalle scuole di cinema, Dreamers e Cisa di Lugano, e uno...

Il Festival del cinema italiano a Como è giunto alla premiazione del concorso cinema italiano 2.0. Due i premi consegnati durante la serata al cinema Astra di sabato scorso: uno assegnato dalle scuole di cinema, Dreamers e Cisa di Lugano, e uno assegnato dal pubblico in sala che ha assistito ai film in concorso. “Le cose belle” di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno è il film vincitore del premio assegnato dalla scuole di cinema, “Un film capace di resistere al tempo e all’ovvietà grazie alla forza dei sentimenti veri”.

Il premio assegnato dal pubblico comasco è stato consegnato dall’attore Renato Scarpa, invitato alla premiazione nella serata dedicata al suo amico e collega Massimo Troisi, ed è andato al film “Libri e nuvole” di Pier Paolo Giarolo. Un film che racconta la storia di una ragazzina che vive in un villaggio sperduto delle Ande Peruviane e che sta aspettando da giorni l’arrivo dei nuovi libri che una bibliotecaria trasporta a piedi, sulle proprie spalle.

“Un film sull’esperienza delle biblioteche rurali implica un messaggio: se si rimane uniti è possibile fare qualcosa. Leggere un libro non è solo immagazzinare conoscenza, è liberare saggezza. Quando facciamo nostro un libro, lo “incorporiamo” come un seme, come una fonte; grazie a un libro ci sono persone che hanno imparato a cucinare, a tessere a combinare colori, a curarsi, a difendere i propri diritti. Ho voluto mostrare questa connessione forte fra lettura e pratica, non leggere tanto per leggere ma leggere come fosse un esercizio agricolo” (Pier Paolo Giarolo).

Si parla di

Video popolari

Festival del cinema di Como, premiati i film vincitori

QuiComo è in caricamento