Estate in ritardo: buono il box office italiano

di Marco Albanese Il box office italiano mostra interessanti segnali di tenuta, forse grazie al ritardo della bella stagione. In vetta per la seconda settimana Alice attraverso lo specchio con 2,5 milioni complessivi, seguito da Warcraft di...

alice-specchio-giu16

di Marco Albanese

Il box office italiano mostra interessanti segnali di tenuta, forse grazie al ritardo della bella stagione. In vetta per la seconda settimana Alice attraverso lo specchio con 2,5 milioni complessivi, seguito da Warcraft di Duncan Jones, tratto dall’omonimo videogame, con 1,8 milioni incassati in soli 4 giorni.

Al terzo posto continua ad andare benissimo La pazza gioia di Paolo Virzì con 1,4 milioni di euro ed un totale che ha raggiunto i 4,5 milioni di euro.

L’altra new entry settimanale, The Nice Guys con Gosling e Crowe è quarta con oltre 1 milione di euro.

L’ennesimo inutile X-Men, Pelè e Julieta di Almodovar si attestano poco sotto il milione.

Negli Stati Uniti invece sono le Tartarughe Ninja 2 a guidare la classifica con appena 35 milioni di dollari, davanti agli X-Men che seguono con 22 milioni e 116 complessivi.

Al terzo posto la commedia con Emilia Clarke, Me Before You con 18 milioni e Alice con 10 e 50 complessivi: un risultato davvero magro. stanze di cinema

Ma la Disney ha di che essere soddisfatta: Captain America: Civil War e Il libro della giungla resistono in top ten, avvicinandosi rispettivamente ai 400 ed ai 350 milioni complessivi in patria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento