Cultura

La Casa della Musica di Como chiude le celebrazioni per il bicentenario della scomparsa di Francesco Pasquale Ricci

Il ricordo del grande compositore con una giornata di studio e tre concerti: in Duomo, al Conservatorio e al Carducci

Il 7 novembre del 2017 sono iniziate le celebrazioni per i duecento anni della morte di Francesco Pasquale Ricci (1732 – 1817), compositore e organista comasco, maestro di Cappella del Duomo di Como e Direttore di musica presso la Cappella Reale olandese dell’Aia. Ricci soggiornò anche in diverse altre città europee svolgendo attività concertistica come cembalista e organista in Germania, Francia, Inghilterra, Belgio e Svizzera e le sue opere vennero edite nei principali centri musicali europei. Svolse anche un’intensa attività didattica che lo portò a scrivere insieme a Johann Christian Bach il primo metodo per fortepiano, pubblicato a Parigi nel 1786. Al Museo Giovio di Como è conservato il suo fortepiano restaurato da pochi anni. Le celebrazioni, dopo diverse attività svolte nei mesi scorsi, si concluderanno con quattro importanti appuntamenti:

Sabato, 27 ottobre 2018, ore 10
Giornata di studi / Francesco Pasquale Ricci

La giornata, interamente dedicata al compositore comasco, è organizzata dal Conservatorio “G. Verdi” di Como, dall’Università degli Studi di Milano e dalla Casa della Musica di Como. Un’occasione unica per riscoprire il valore di un compositore che Como ha da molti anni dimenticato. Saranno presenti alcuni tra i più importanti studiosi del settecento musicale europeo provenienti da diverse università italiane e straniere. Una lunga giornata di approfondimento aperta alla città che avrà inizio alle ore 10 e si concluderà intorno alle ore 18. Della Giornata di studi saranno successivamente pubblicati gli atti. Interverranno:
•    Oscar Tajetti, Presidente AMIS Nazionale
•    Gerardo Tocchini, Università Ca’ Foscari di Venezia
•    Matteo Giuggioli, Goethe-Universität, Frankfurt am Main
•    Maria Semi, Università di Bologna
•    Livio Marcaletti, Universität Wien – Institut für Musikwissenschaft
•    Marco Bizzarini, Università degli Studi di Napoli Federico II
•    Mariateresa Dellaborra, Conservatorio «G. Nicolini» di Piacenza
•    Francesca Menchelli-Buttini, Conservatorio «N. Sala» di Benevento
•    Marilena Laterza, Università degli Studi di Milano
•    Silvia Del Zoppo, Università degli Studi di Milano
 
Giovedì, 22 novembre, ore 21
Sabato, 1 dicembre, ore 10.30

Risonanze - percorsi in musica per scoprire la città

Due nuovi appuntamenti di Risonanze saranno dedicati alla scoperta degli edifici legati alla vita e all'eredità di Ricci: il Duomo, dove Ricci fu maestro di cappella con approfondimenti sugli organi, l’altare del Crocifisso e l’altare di San Giuseppe e l’Ospedale Sant'Anna (ora Conservatorio musicale), destinatario dell'eredità di Ricci con approfondimenti sulla testata delle infermerie, il chiostrino tardorinascimentale, la chiesa ottocentesca. Nel corso della visita si terranno due concerti dedicati alle composizioni di Ricci: in Duomo l’organista Lorenzo Pestuggia eseguirà alcuni brani per organo mentre in Conservatorio il Quartetto Alla maniera italiana (Giacomo Coletti e Alessandro Pensa, violino – Clelia Gozzo, viola – Anna Camporini, violoncello) presenterà alcuni quartetti per archi
dell’op. 8. L’iniziativa è organizzata dalla Casa della musica in collaborazione con la Cappella Musicale del Duomo e il Conservatorio “G. Verdi”. Le visite, curate dallo storico Fabio Cani, si svolgeranno in Duomo, il 22 novembre alle ore 21:00, in Conservatorio, il 1° dicembre alle ore 10:30.

Giovedì 6 dicembre, ore 20.30
Concerto di chiusura

L’appuntamento conclusivo delle celebrazioni sarà un importante concerto del Trio d’archi Il Furibondo (Liana Mosca, violino - Gianni de Rosa, viola - Marcello Scandelli, violoncello) che si svolgerà, grazie alla collaborazione con l’Associazione Carducci, nel loro Salone Enrico Musa il 6 dicembre alle ore 20:30. Saranno eseguiti i sei trii per archi di Ricci esecuzione inserita nell’ambito di un progetto discografico su Ricci che si realizzerà la prossima primavera. Il progetto delle Celebrazioni per il Bicentenario di Ricci è coordinato dalla Casa delle musica di Como con il sostegno dell'assessorato alla Cultura del Comune di Como e della Camera di Commercio di Como. L'evento è realizzato grazie alla collaborazione di: Conservatorio “G. Verdi” di Como, Cappella Musicale del Duomo di Como, Associazione Carducci, dell'Università degli studi di Milano, AMIS - Antiquae Musicae Italicae Studiosi, Accademia Palazzo Valli Bruni “Giuditta Pasta”, Società Italiana di Musicologia, Centro Studi Pergolesi Fondazione Alessandro Volta, Spazio Gloria – Arci Xanadù.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casa della Musica di Como chiude le celebrazioni per il bicentenario della scomparsa di Francesco Pasquale Ricci

QuiComo è in caricamento