Venerdì, 25 Giugno 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carnevale a Cantù, 1.500 biglietti per la prima sfilata dei carri

La prima giornata di carnevale è andata. Oggi pomeriggio, lungo l’anello di via Carcano e Corso Unità d’Italia, i carri allegorici canturini hanno sfilato, nonostante il vento gelido e il tempo non proprio clemente. Sono stati 1111 i biglietti...

La prima giornata di carnevale è andata. Oggi pomeriggio, lungo l’anello di via Carcano e Corso Unità d’Italia, i carri allegorici canturini hanno sfilato, nonostante il vento gelido e il tempo non proprio clemente. Sono stati 1111 i biglietti staccati per gli adulti, a cui vanno aggiunti 337 biglietti non paganti, consegnati ai bambini sotto i 14 anni. L’anno scorso, durante la prima giornata, i biglietti venduti erano stati 713, mentre i biglietti per i ragazzi, 300. Un leggero incremento, dunque, anche se ancora lontano dalla soglia delle 10 mila presenze che l’associazione intende raggiungere.

Sette i carri in concorso: Lisandrin, vincitore del carnevale dell’anno scorso, ha proposto “Ridateci la bacchetta magica”, una sorta di grido d’allarme della fata e di mago Merlino che non si riconoscono più in questo mondo dominato dall’elettronica. Gli Amici di Fecchio, arrivati secondi nel 2012, hanno sfilato con “Congelati per sempre?”. Il carro è ispirato alla politica. Prendendo spunto dalla situazione contingente, si è voluto sottolineare come il governo tecnico abbia messo da parte, appunto “congelato”, i politici. Diversi, infatti, i volti congelati in un grosso iceberg, i quali sembrano solo aspettare il momento per essere di nuovo scongelati. La particolarità di questo carro è il colore dominante: bianco e azzurro chiaro, reso ancora più evidente da una struttura spigolosa, a mò di ghiacciaio. La Maschera, invece, arrivata terza nel 2012, ha sfilato con “E qui comando io…e questa è casa mia”. Il carro vuole rappresentare la situazione economica attuale: Angela Merkel seduta sul palazzo della BCE, contornata da quattro grosse mani che rappresentano le nazioni più deboli: Italia, Spagna, Grecia e Francia. Le mani, stringono un enorme euro. Il Coriandolo presenta “Pellicole indimenticabili”, un omaggio al cinema anni ’50. ’60, ’70. Gassman e Sordi, sono seduti sulla storica Lancia Aurelia rossa fiammante e sfrecciano a tutto gas senza osservare le regole. Anche questa scena, è stata ricavata da una commedia di Dino Risi del 1962. Ai lati del carro, è possibile vedere alcune scene tratte dalle loro indimenticabili pellicole. I Baloss propongono “Cotti e mangiati”. Il personaggio principale è Beppe Grillo, che sovrasta il carro. Il pupazzo si alza fino a 20 metri. Anche i personaggi rappresentati sul carro fanno parte della politica italiana. I Buscait, hanno sfilato con “Pagliacci…non sapete che pesci prendere”. Si tratta della rappresentazione ironica nel mondo marino dei governi che si susseguono. Il mondo marino, è rappresentato dagli ippocampi. Unico denominatore comune: prosciugare le tasche al povero contribuente. I Bentransema, infine, propongono “E’ arrivato sulle ali delle proposte elettorali”. Il carro rappresenta una grossa carrozza trainata da cinque oche gigantesche. A sovrastare il carro, un’ enorme testa del sindaco di Cantù Claudio Bizzozero, con un piccone in mano, a simboleggiare il nome della sua coalizione “Lavori in corso”, ribattezzata sulla fiancata del carro “Lavori interrotti”. Un gruppo di figuranti, si presenta davanti al carro a mettere delle transenne “Impresa Bizzozero”, armati di attrezzi da lavoro. A sorpresa, arriva anche il vero Bizzozero, subito preso di mira dai figuranti che lo ricoprono di coriandoli. Comunque, sembra apprezzare il carro che lo rappresenta: “Mi è piaciuto molto”, commenta. E non sembra per nulla offeso, anzi: “Il carnevale è la festa in cui il popolo sbeffeggiava i potenti. Adesso i sindaci di potente non hanno più niente, però è giusto”.

Si parla di

Video popolari

Carnevale a Cantù, 1.500 biglietti per la prima sfilata dei carri

QuiComo è in caricamento