Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cultura

Biennale d'arte contemporanea europea, in mostra anche le opere di due artisti comaschi

Si parte l'11 ottobre 2017 in Francia, la mostra sarà a Como a febbraio 2019

L'assessore al marketing territoriale del comune di Como Simona Rossotti

Anche Como partecipa alla mostra JCE Jeune Création Européenne, la biennale d’arte contemporanea europea la cui prima tappa prenderà il via mercoledì 11 ottobre 2017 a Montrouge in Francia.

In mostra le opere di 56 artisti provenienti da sette paesi europei, che spaziano in tutte le forme dell’arte visiva: dalla pittura alla scultura, dall’installazione alla video arte, dal disegno alla fotografia, in una molteplicità di linguaggi e tecniche.

La città di Como, partner della biennale dal 2013, attraverso una selezione attivata dall’Assessorato alla Cultura su scala nazionale tramite il Circuito dei Giovani Artisti Italiani, ha scelto gli otto artisti italiani che partecipano con una loro opera alla biennale:

1. Enne Boi, pseudonimo di Niccolò Mascheroni, nato nel 1989 a Cantù, vive e lavora tra Gent (Belgio) e Como

2. Paolo Ciregia, nato a Viareggio nel 1987, vive e lavora a Massa Carrara

3. Andrea Fontanari, nato nel 1996, vive e lavora in provincia di Trento

4. Lorenzo Guzzini, nato a Recanati nel 1983, vive e lavora a Como

5. Francesco Levy, nato nel 1990 a Livorno, vive e lavora fra Livorno, Firenze e Venezia

6. Simone Mangione, nato nel 1988 a Como, vive e lavora tra Como e Milano

7. Jacopo Mazzonelli, nasce a Trento nel 1983, dove vive e lavora

8. Alba Zari, nata nel 1987 a Bangkok, vive e lavora a Trieste.

Dopo Montrouge, la mostra si sposterà in Danimarca, Lettonia, Romania, per approdare poi a Como a febbraio 2019, continuare in Spagna e concludersi in Portogallo.

«Questa biennale rappresenta una realtà unica nel suo genere e un’opportunità peculiare per il nostro territorio – commenta l'assessore al Marketing territoriale del Comune di Como, Simona Rossotti - Si sviluppa su un circuito internazionale che mette in rete le città europee e le valorizza a partire dal comune denominatore dall’arte contemporanea. Tra gli obiettivi condivisi dalle città partner e di particolare interesse per Como, c’è l’apertura a una valorizzazione più ampia del territorio, che contemplerà nel prossimo futuro anche temi diversi».

SI tratta di un grande progetto internazionale, ideato nel 2000 dalla città francese di Montrouge al fine di creare opportunità di condivisione e confronto fra gli scenari artistici dell’Unione Europea. Fra gli obiettivi principali vi è quello sostenere la rete fra le città che promuovono il lavoro di giovani artisti emergenti, contribuire a scoprire nuovi talenti e a difendere la libera circolazione d’idee. Il principio ispiratore della JCE è quello di offrire un’occasione di visibilità per gli artisti all’inizio della carriera, attraverso l’esposizione delle proprie opere in una mostra collettiva biennale itinerante nei paesi europei partner, coadiuvata da residenze artistiche, un catalogo e un sito internet pensato come una galleria virtuale evolutiva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biennale d'arte contemporanea europea, in mostra anche le opere di due artisti comaschi

QuiComo è in caricamento