Venerdì, 24 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Unindustria Como: "Pronti 300 posti per i giovani"

Si chiama "patto generazionale": un lavoratore cosiddetto senior, a un paio d'anni dalla pensione, decide di diminuire il suo monte ore lavorative per favorire l'assunzione di un giovane. E' qualcosa in più di un'idea. E' un'iniziativa concreta e...

Si chiama "patto generazionale": un lavoratore cosiddetto senior, a un paio d'anni dalla pensione, decide di diminuire il suo monte ore lavorative per favorire l'assunzione di un giovane. E' qualcosa in più di un'idea. E' un'iniziativa concreta e già pronta alla quale hanno aderito 300 aziende del territorio comasco e altrettanti lavoratori. Manca l'avallo delle istituzioni. L'iniziativa è ora sul tavolo del presidente della Regione Maroni, come ha spiegato il presidente di Unindustria Como, Francesco Verga, ieri a Villa Erba in occasione dell'assemblea annuale dell'associazione di imprenditori. Verga ha lanciato anche l'appello a Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, affinché si attivi perché il patto generazionale diventi realtà e un modello concreto che altre province italiane possano imitare e adottare.

Nel suo discorso Verga ha anche guardato al futuro con ottimismo, o meglio, con minore pessimismo rispetto all'anno scorso. Merito in parte anche del risultato delle ultime elezioni europee: "Dopo anni di recessione, di austerity, di instabilità, il nostro Paese vuole cogliere quella ripresa che, seppur timidamente, si è affacciata nei primi mesi del 2014. Non sto facendo riferimento alle analisi congiunturali che, pure, affermano questo da diversi mesi. Dopo l’estero, infatti, ha ripreso anche la domanda interna che segna un +1,8% nel marzo 2014 sullo stesso mese dell’anno precedente. Nulla, a confronto dei dati pre-crisi, ma è comunque un’inversione di tendenza. Mi riferisco al segnale uscito dalle urne nel nostro Paese in occasione delle elezioni europee: un’assunzione di responsabilità accompagnata da una forte apertura di credito". Poi il commento al risultato elettorale: "A differenza di altre nazioni vicine, l’Italia ha votato chiaramente a favore dell’Europa. E gli italiani hanno votato a favore dell’Italia. Non è un gioco di parole e tra poco vedremo perché. I cittadini non sono scesi a compromessi populisti e antieuropeisti. Non hanno ragionato di pancia, com’è accaduto in Francia, ma hanno saputo guardare oltre, con forte senso di responsabilità, pensando alle proprie generazioni, quelle presenti e quelle future, fra le quali annoveriamo quella che mi piace chiamare generazione erasmus".

In occasione dell'assemblea di Unindustria Como si è svolta anche la premiazione degli imprenditori in attività da 50 anni. I premiati sono di quest'anno sono: Gerlando Bergaminelli, Carlo Cattaneo, Giacomo Ezio Mazzer,

Si parla di

Video popolari

Unindustria Como: "Pronti 300 posti per i giovani"

QuiComo è in caricamento