rotate-mobile
Economia

Turismo, Regione Lombardia punta sul Lago di Como e sulle sue montagne

Le valli comasche lecchesi promuovono il turismo lento attraverso i tanti percorsi e cammini

Si apre la stagione turistica e Regione Lombardia punta sulle montagne e laghi dei territori di Como e Lecco. Sono stati loro i protagonisti alla conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Lombardia a Milano per la la presentazione della stagione turistica estiva. Presenti alla conferenza il presidente il governatore Attilio Fontana, l'assessore regionale al Turismo, Lara Magoni,e  Fabio Dadati, presidente di Lariofiere.

"Le nostre carte vincenti - ha detto Fontana - sono la qualità dei nostri siti e la capacità di chi lavora per accogliere i turisti. Così come sono fondamentali i grandi eventi che noi abbiamo, come Regione Lombardia, promosso primo fra tutti le Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026".

"La Regione - ha continuato il presidente della Regione - ritiene questo comparto strategico, lo avevamo dimostrato ampiamente prima della pandemia con una crescita importantissima. Ora siamo ripartiti con la stessa forza. Abbiamo tutte la capacità per essere assoluti protagonisti e le proiezioni dei dati per la nuova stagione vanno in questa direzione".

"Dopo gli ottimi risultati dei primi mesi dell'anno, si prospetta - ha aggiunto l'assessore Magoni - una stagione estiva molto positiva per il turismo lombardo e montano, grazie a una ritrovata fiducia da parte dei viaggiatori e una conseguente ripresa complessiva della domanda domestica e internazionale. Una rinascita attestata anche dalle stime predittive elaborate da Polis, secondo il quale le presenze turistiche attese per il 2022 saranno superiori del 30% rispetto al 2021. In particolare, da luglio a settembre è lecito aspettarsi un flusso di +8,7% di visitatori rispetto all'anno precedente".

Le valli comasche e del Lecchese promuovono il turismo lento attraverso i tanti percorsi e cammini. Il Lago di Como è un luogo unico per la sua natura, le sue montagne e i suoi itinerari all'aria aperta, tra cui la famosa Greenway tutta da scoprire. Il Lario, crocevia nei secoli, è in grado di intrecciare sia cammini storici che esperienze montane di diversa difficoltà, con l'attuale visione di sostenibilità, distanza e risposta al bisogno di fuga e libertà. La Valsassina è da sempre la prima scelta per l'avvicinamento alle attività montane all'aria aperta: la montagna di Milano, infatti in meno di un'ora dalla città è possibile essere già in quota offrendo sentieri unici verso montagne e le vette del Parco delle Grigne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, Regione Lombardia punta sul Lago di Como e sulle sue montagne

QuiComo è in caricamento