Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rischio tasse su stipendi dei frontalieri, interrogazione in Senato

Interrogazione in Senato sulla legge, entrata in vigore il 1° febbraio, che tassa del 20% i bonifici provenienti dall'estero e indirizzati a conti correnti italiane. La legge 97/2013, è applicabile anche ad esempio a donazioni (il parente...

Interrogazione in Senato sulla legge, entrata in vigore il 1° febbraio, che tassa del 20% i bonifici provenienti dall'estero e indirizzati a conti correnti italiane. La legge 97/2013, è applicabile anche ad esempio a donazioni (il parente all’estero che aiuta la famiglia), restituzione di prestiti o a rendite finanziarie. Non è, invece, applicabile al reddito da lavoro, ma spetta al frontaliere l’onere di comunicare alla banca che i bonifici in entrata sul proprio conto corrente sono derivanti da lavoro estero. Le banche sono obbligate dal 1° febbraio ad effettuare questa trattenuta, ma non sono ancora preparate a ricevere e valutare le autocertificazioni dei frontalieri che vengono richieste su moduli forniti dalla banca stessa ma non ancora disponibili in tutte le filiali. Nasce da questa situazione l'interrogazione presentata in Senato da Vito Crimi del Movimento 5 Stelle. Il prelievo del 20% infatti è automatico e il contribuente che non ha firmato alcuna autocertificazione dovrà poi richiedere la restituzione dell’imposta non dovuta.

Nel suo intervento Crimi ha chiesto che “il Governo assente possa prendere in considerazione questa segnalazione e possa dare istruzioni affinché le banche non applichino tale trattenuta a queste situazioni che già sono previste esentate”.

Si parla di

Video popolari

Rischio tasse su stipendi dei frontalieri, interrogazione in Senato

QuiComo è in caricamento