Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

Ecco i compensi in base alla professione

Quanti di noi hanno invidiato i colleghi che lavorano in Svizzera o ancora più i colleghi di nazionalità svizzera? Cioè, c’è una bella differenza fra gli stipendi italiani e quelli nella Confederazione Elvetica (e a volte un certo margine anche fra compensi dei residenti e dei frontalieri). Lavorare in Svizzera è da sempre considerato molto redditizio ma a fare un po' di chiarezza, dando cifre precise riguardo ai dipendenti di nazionalità svizzera, è uno studio di quiFinanza. Un operaio in una ditta di traslochi, un agente di sicurezza o un impiegato commerciale luganese guadagnano a secondo dell’anzianità di servizio una cifra intorno ai 5mila franchi. Ma quello che forse stupisce di più è la retribuzione minima: sono veramente pochissime infatti in Svizzera le categorie che non raggiungono i 4mila franchi lordi al mese, cioè circa 3.600 euro. Parliamo di quelle mansioni che in Italia a fatica arrivano magari a 1.200, insomma, un terzo dello stipendio svizzero. Cifre leggermente più basse si rilevano solo su professioni che non necessitano qualifiche: dipendenti senza diploma federale e al primo impiego guadagnano comunque almeno 3mila franchi lordi. Professioni invece di medio/alta formazione - come fisioterapisti, ostetriche e webmaster - guadagnano tra i 6mila e gli 8mila franchi al mese. E via, per volare con la fantasia chiudiamo l’elenco dicendomi che per le figure più specializzate - ingegneri, architetti, ma anche tecnici informatici, alti gradi della polizia o controllori di volo – si arriva a cifre al di sopra dei 10mila franchi. E pensare che i compensi ticinesi sono i più bassi di tutta la Svizzera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma, nonostante tutto questo, chiosa il quotidiano economico, c'è poco da invidiare: se infatti lo stipendio ci sembra molto alto, ancora di più lo sono le spese in Ticino rispetto che in Lombardia. Un esempio sono gli affitti che a parità di sistemazione, di metratura e finiture costano in provincia di Lugano almeno il 60% in più di un'analoga situazione in Italia. Idem dicasi per i prezzi alimentari e per l’abbigliamento. E poi, tante sono nella Confederazione le spese extra, da noi non indispensabili, come quelle assicurative: su tutte l’assicurazione sanitaria che, non solo è necessaria ma ha mediamente costi molto elevati rispetto ai nostri standard.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lettera di un'insegnante del Liceo Giovio che annienta la ministra Azzolina

  • Grave al Sant'Anna per covid chiede plasma iperimmune: il comitato etico dice no

  • Lockdown da lunedì, Como potrebbe essere esclusa

  • Como, compra un panino a un senzatetto: lui la segue e la violenta in un parcheggio

  • Nuovo dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18

  • Le 5 pasticcerie più buone di Como

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento