Sandro Estelli rieletto segretario della Filctem di Como

Confermato alla guida del sindacato lariano dei tessili, dei chimici, dell’energia e delle manifatture

Sandro Estelli

Sandro Estelli è stato confermato dall’assemblea generale della Filctem di Como alla guida del sindacato lariano dei tessili, dei chimici, dell’energia e delle manifatture.
In Cgil dal 2003, ha cominciato come delegato sindacale presso Canepa e da funzionario ha lavorato prima in Filtea e in seguito in Filctem.

«Il nostro territorio – ha spiegato Estelli nella sua relazione – pur segnato dalla crisi, è ancora caratterizzato dalla produzione tessile. Il settore, oggetto di concorrenza estera, può preservare le proprie peculiarità attraverso la difesa e il rilancio del made in Italy: occorre investire sul valore aggiunto dell’immaterialità del prodotto».

Nel settore, dalle 857 unità locali del 2016 si è passati alle 699 del 2018. Il numero di addetti oggi è di 11545, mentre due anni fa era di 12011. Una perdita del quattro per cento circa della forza lavoro.
Il settore chimico sul Lario è una presenza importante, «caratterizzata da insediamenti di grandi gruppi che operano nei comparti della cosmetica, delle vernici, della detergenza. Un sistema sottoposto in questi anni alle forti turbolenze della crisi, alla delocalizzazione nei processi di globalizzazione, allo straordinario protagonismo dei paesi di nuova industrializzazione. Anche nelle industrie chimiche comasche in molti casi ci troviamo di fronte alle problematiche delle aziende terziste, con forti tensioni sulla gestione degli orari».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questi anni il sindacato ha tentato di contenere gli effetti sociali della crisi: «Abbiamo operato in maniera unitaria – conclude Estelli – con Femca e Uiltec gestendo in maniera condivisa con le associazioni imprenditoriali, per prima Unindustria, per trovare soluzioni in grado di tenere insieme l’impatto sociale e la tutela del reddito per i lavoratori con le necessità organizzative delle imprese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento