I ristoranti chiusi la sera sono la fine del turismo a Como

Il divieto di fatto colpisce indirettamente anche i B&B e tutte le strutture alberghiere senza ristorante. Ma è un problema anche per chi viaggia per lavoro

Como

Già duramente colpito dall'inizio della pandemia, anche in settore alberghiero, non solo quello della ristorazione. rischia un altro duro colpo che per molti potrebbe portare alla chiusura. Se infatti il nuovo Dpcm in vigore da oggi non tocca direttamente le strutture ricettive, è altrettanto vero che i B&B e gli alberghi senza servizio di ristorazione interno vedranno collassare le loro prenotazioni. Difficilmente le persone, alle quali è comunque stato consigliato di non muoversi, si sposteranno, stranieri compresi, sapendo che la sera le città sono deserte e che i ristoranti sono chiusi, quando anche solo mangiare sarebbe un serio problema. 

Non solo, c'è poi il tema delle persone costrette a muoversi per lavoro e che da oggi saranno obbligate a cercare alberghi con ristorante interno o almeno un B&B dotato di cucina dove potersi preparare qualcosa per cena la sera. Insomma la situazione è sempre più difficile e la preoccupazione tra gli addetti del settore è palpabile soprattutto in prospettiva natalizia, quando un po' di turismo avrebbe potuto riportare un minimo di ossigeno. Difficile fare previsioni per i prossimi mesi ma con queste regole e la paura sempre più diffusa, oltre alle incertezze del portafoglio, si prospetta un inverno nerissimo per l'economia turistica del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Follia Lidl, anche nel Comasco file e corse per le scarpe (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

Torna su
QuiComo è in caricamento