Codice rosso per il maltempo a Como, ma postini costretti a lavorare: la denuncia dei sindacati

Protesta di Uil Poste Lario: "Portalettere mandati per strada con mezzi di trasporto poco idonei a muoversi su arterie sommerse d’acqua"

"Giornata di maltempo ma non per i portalettere": comincia così la lettera di protesta del sindacato Uil Poste Lario per le condizioni in cui hanno lavorato i postini nelle province di Como e Lecco nella giornata di lunedì 29 ottobre 2018, durante la violenta ondata di pioggia e vento che ha spinto Regione Lombardia a diramare un'allerta meteo in codice rosso.

"E' stata una giornata disastrosa e di allarme rosso per la situazione di maltempo nei territori di Como e Lecco - scrive Giuseppe Incorvaia, Segretario Generale UIL Poste Lario- con molte strade allagate e chiuse. Le indicazioni della protezione civile in queste circostanze sono quelle a non mettersi in strada se non strettamente necessario.

Mentre, per i portalettere queste indicazioni non valgono! - prosegue la nota- I portalettere continuano ad essere mandati per strada, perdipiù con mezzi di trasporto poco idonei a muoversi con strade sommerse d’acqua. Il maltempo c’è ma non per i portalettere.

La UIL Poste del Lario, ritiene che il rischio di incolumità a cui sono esposti i portalettere in queste situazioni è alto e ciò oltre a mostrare una poca sensibilità e attenzione nei confronti dei lavoratori è anche contrario alle norme in materia di tutela sulla salute e sicurezza sul lavoro, previste dal D. Lgs 81/2008 e che assegna al datore di lavoro il compito, tra gli altri, “dell’eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico”

Infine la richiesta dei sindacati: "La UIL Poste del Lario -conclude Incorvaia- ritiene che in caso di allarme maltempo deve essere vietato lo svolgimento dell’attività di consegna della corrispondenza da parte dei portalettere, la stessa può essere garantita solo se il portalettere è dotato di mezzi idonei".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Come si vive a Como? Ecco le risposte di alcuni abitanti: "Paesaggi bellissimi, ma è una città per vecchi"

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Como, si sposano i due senzatetto Silvia e Alessandro: il primo incontro fu su una panchina 10 anni fa

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

Torna su
QuiComo è in caricamento