rotate-mobile
Economia Como Centro / Via Luigi Einaudi

Como, la protesta dei frontalieri contro la tassa sulla salute

I sindacati hanno ribadito l'importanza di un intervento concreto per risolvere le problematiche fiscali e sanitarie

Questa mattina, 25 maggio 2024, i lavoratori frontalieri italiani in Svizzera sono scesi in piazza a Como per una manifestazione organizzata da diverse sigle sindacali, tra cui Cgil, Cisl, Uil, Unia, Ocst, Syna. A partire dalle 9.30, in via Luigi Einaudi, davanti alla sede territoriale di Regione Lombardia, i frontalieri hanno espresso il loro dissenso contro la tassa sulla salute e hanno richiesto il rispetto dell'accordo fiscale internazionale. La protesta ha avuto come obiettivo anche la piena applicazione del memorandum d'intesa sottoscritto nel dicembre 2020 tra il Ministero dell'Economia, le organizzazioni sindacali confederali italiane e l'associazione dei Comuni di confine. Questo accordo, tradotto nella legge 83/23 del luglio scorso con voto unanime delle forze politiche in Parlamento, è stato al centro delle richieste dei manifestanti. La manifestazione ha visto la partecipazione di numerosi lavoratori che hanno voluto far sentire la loro voce in merito a temi cruciali per la loro condizione lavorativa e per il rispetto dei diritti acquisiti. I sindacati hanno ribadito l'importanza di un intervento concreto per risolvere le problematiche fiscali e sanitarie che affliggono i frontalieri, sottolineando la necessità di un dialogo costruttivo tra Italia e Svizzera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, la protesta dei frontalieri contro la tassa sulla salute

QuiComo è in caricamento