menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immigrati-prestino

immigrati-prestino

Profughi, la Cgil contro la strumentalizzazione politica dell'emergenza

Il caso dell'ex caserma dei carabinieri di via Borgovico a Como destinata nel prossimo futuro a ospitare nuovi profughi in arrivo in città, continua a fare discutere e ad alimentare il dibattito. Sul tema ha espresso la sua posizione anche la Cgil...

Il caso dell'ex caserma dei carabinieri di via Borgovico a Como destinata nel prossimo futuro a ospitare nuovi profughi in arrivo in città, continua a fare discutere e ad alimentare il dibattito. Sul tema ha espresso la sua posizione anche la Cgil di Como che in un comunicato stampa diffuso questa mattina ha criticato duramente i partiti che farebbero del caso profughi un pretesto per fare campagna elettorale. In particolare, come è ovvio, il riferimento è alla Lega Nord anche se non è esplicitato nella nota stampa.

Il sindacato di via Italia Libera ha premesso che "la Conferenza di Organizzazione della Cgil, tenutasi ieri a Lurago d'Erba, ha approvato un ordine del giorno dal titolo 'La Cgil rifiuta le polemiche innescate da quei partiti che utilizzano l'emergenza profughi per propaganda politica ed elettorale'".

"La presidente della Provincia di Como - si scrive nel documento - ha messo a disposizione, su richiesta della prefettura, una parte dell'ex caserma dei carabinieri di via Borgovico per l'accoglienza di una trentina di profughi. La struttura è di proprietà della provincia, ospitava a foresteria dei carabinieri ed è oggi inutilizzata. Alcune forze politiche con i rispettivi consiglieri regionali si sono detti pronti alle barricate e hanno organizzato presidi "anti profughi". Il presidente regionale ha chiesto un intervento dell'Asl. Si apre quindi uno scontro istituzionale e si soffia sul fuoco dell'intolleranza.

La Cgil di Como esprime ferma contrarietà nei confronti di queste posizioni che non tengono conto del dramma umano e sociale che queste persone vivono. Tanto meno del dovere istituzionale di mettere in campo qualsiasi iniziativa utile a tamponare l'emergenza. I timori espressi circa sicurezza e tutela sanitaria sono strumentali. I profughi saranno assistiti costantemente dagli operatori della Caritas.

Ancora una volta si affronta un dramma di dimensioni epocali esclusivamente per fini di propaganda politica ed elettorale. La Cgil condivide e sostiene le scelte che vanno nella direzione di dare una risposta, anche nel territorio comasco, all'emergenza umanitaria in atto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

social

Lago di Como, cinque trattorie all'aperto con vista mozzafiato

social

I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

WeekEnd

Le 10 migliori gite al Lago di Como e dintorni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento