Partite Iva insieme per cambiare: la ribellione parte dal web e coinvolge anche Como

Non è un gruppo politico, ma l'unione di più di 200mila persone soffocate dalle tasse

Arrivano da tutte le province, specialmente dal Sud Italia ma nell'ultimo periodo si stanno unendo a gran voce anche lavoratori a partita iva di Como, Lecco e Monza. Timidamente infatti, cominciano ad apparire i primi post dove ci si domanda a vicenda se c'è qualcun'altro dalle parti di Como o del Nord Italia. 

Il gruppo su Facebook si chiama Partite Iva Insieme per Cambiare (Insieme per Ribellarsi) e offre davvero molte testimonianze e spunti di riflessione per tutti quei lavoratori che si ritrovano in questo regime fiscale. 

Le persone si confrontano su tantissimi temi: dall'utilizzo del contante, sempre più ristretto, alla possibilità di riunirsi in alcune piazze d'Italia per protestare, fino a mostrare video di alcuni utenti esasperati dalla fatturazione elettronica. Purtroppo, analizzando bene il gruppo,  non sono rare neanche le conversazioni avviate da chi, purtroppo, ha dovuto o voluto chiudere definitivamente la propria attività. Una delle cose che risalta maggiormente è inoltre il poco peso che i media danno alla situazione dei lavoratori a partita iva. 

Presente anche un video di YouTube caricato oggi, 22 gennaio 2020, intitolato: Il popolo delle 'Partite Iva' scende in piazza a Roma.

Qualcuno fa notare che anche il Nord Italia, inizialmente abbastanza latitante, si sta unendo sempre di più a questa 'lotta' che non vuole avere alcun colore politico, ma solo dare dignità al lavoratore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il primo decesso in Lombardia. I contagi sono almeno 36

  • Coronavirus a Como: paziente infetto trasferito all'ospedale Sant'Anna

  • Incidente sull'autostrada A4: è morto Cesare Coquio di Uggiate Trevano

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Persona investita dal treno a Lugano Paradiso

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento