rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Economia Cirimido

L'orto verticale più grande al mondo sarà costruito da un'azienda nel Comasco

Il progetto: la facciata sarà realizzata interamente in legno e il suo movimento volumetrico riprenderà il ritmo del filare degli alberi che circonda la zona

L'orto verticale più grande del mondo sarà costruito a Cirimido, nel Comasco. A rendere possibile questo è Planet Farms, azienda italiana leader nel settore dell’agricoltura in ambiente controllato e del vertical farming, che agisce in un'ottica commerciale che prevede prezzi al consumo più competitivi sulla propria linea di insalate pronte. Il nuovo posizionamento, teso a raggiungere sempre più consumatori con un prodotto di altissima qualità, è reso possibile dal continuo sviluppo tecnologico, che permette di ottenere un sensibile incremento di efficienza produttiva.

Planet Farms, impresa di vertical farming con sede a Cavenago, ha annunciato l’avvio del cantiere per il suo nuovo stabilimento di Cirimido in provincia di Como, che sarà pronto a inizio 2024. Per lo sviluppo del progetto, l’azienda ha ottenuto nei mesi scorsi un finanziamento di 17,5 milioni, concesso da UniCredit e assistito dalla Garanzia Green di SACE.

Il nuovo impianto a Cirimido

“Il nuovo impianto, che sarà dedicato alla produzione di insalate baby leaf, basilico e altre colture, sorgerà su un’area complessiva di 40.000 mq - di cui 11.500 dedicati allo stabilimento - con una superficie netta di coltivazione pari a 20.000 mq, posizionandosi tra le più grandi vertical farm a livello globale” spiegano dall’azienda. “Il progetto, curato dallo studio FSA per la parte architettonica e da Studio Artec per gli aspetti edili e urbanistici, ha un’impronta fortemente materica, con una facciata realizzata interamente in legno, il cui movimento volumetrico riprende il ritmo del filare degli alberi che circonda la zona. Le forme ondulate richiamano chiaramente quelle delle chiome degli alberi, instaurando un dialogo costante tra l’edificio e l’ambiente naturale in cui è inserito: aspetto, quest’ultimo, che accomuna tutti i progetti architettonici di Planet Farms”.

Cirimido_PlanetFarms_Render_01

Dal punto di vista energetico, lo stabilimento di Cirimido rispecchierà il credo di Planet Farms in termini di efficienza e sarà alimentato anche tramite fonti energetiche rinnovabili, tra cui un impianto fotovoltaico che occuperà una superficie di circa 8.000 mq. Il metodo produttivo di Planet Farms, che nelle scorse settimane è stata selezionata tra le 50 aziende AgTech più innovative nel Report THRIVE TOP 50 AgTech e FoodTech 2023, è caratterizzato da processi totalmente automatizzati, un ambiente di coltivazione controllato e isolato dall’esterno, per escludere il contatto con agenti patogeni e l’uso di fitofarmaci e pesticidi, oltre a consumi idrici significativamente ridotti rispetto ai metodi di produzione agricola tradizionali. “L’avvio della costruzione della nuova farm di Cirimido rappresenta un passaggio strategico per il percorso di Planet Farms” ha dichiarato Luca Travaglini, co-founder e co-CEO del Gruppo Planet Farms.

“Siamo da sempre caratterizzati da un’evoluzione continua dal punto di vista della tecnologia, nell’ottica di raggiungere una maggiore efficienza produttiva. Questi fattori ci hanno già consentito di ottimizzare i costi, permettendoci anche di abbassare i prezzi di vendita delle nostre insalate e di intraprendere una direzione che ci renderà sempre più competitivi e accessibili per il consumatore finale. Il nuovo impianto consentirà all’azienda di aumentare ulteriormente la capacità produttiva espandendo la propria presenza sul mercato, e ci permetterà inoltre di esplorare nuove potenzialità e applicazioni del vertical farming, anche in settori differenti da quello alimentare”, conclude Travaglini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'orto verticale più grande al mondo sarà costruito da un'azienda nel Comasco

QuiComo è in caricamento