Ognissanti, i comaschi spenderanno 4 milioni di euro per i fiori

Circa 4 milioni di euro. E’ quanto spenderanno i cittadini comaschi per portare piante e fiori sulle tombe dei propri cari nei prossimi giorni. Il dato emerge dalla stima di Coldiretti. Nelle famiglie lariane lo stanziamento medio sarà di circa 20...

Ognissanti, i comaschi spenderanno 4 milioni di euro per i fiori

Circa 4 milioni di euro. E’ quanto spenderanno i cittadini comaschi per portare piante e fiori sulle tombe dei propri cari nei prossimi giorni. Il dato emerge dalla stima di Coldiretti. Nelle famiglie lariane lo stanziamento medio sarà di circa 20 euro, dato in linea con la media regionale della Lombardia, regione in cui verranno spesi 70 milioni di euro.

“La maggior parte delle famiglie – spiegano Fortunato Trezzi e Francesco Renzoni, presidente e direttore di Coldiretti Lombardia – sceglie il crisantemo e, a seguire, i ciclamini. Da qualche tempo – rilevano gli operatori del settore – si nota una tendenza verso il fiore reciso, più comodo da usare e da posizionare nei loculi e negli spazi sempre più ristretti dei cimiteri”.

La spesa per i fiori – spiega la Coldiretti Lombardia – si concentra sempre più in determinati periodi dell’anno: Ognissanti, la Festa della mamma e San Valentino. Mentre la primavera e l’estate sono le stagioni delle piantine da orto e delle piante da balcone. “La ricorrenza di Ognissanti – spiega Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia – rappresenta un momento importante della nostra tradizione ed è anche un periodo in cui i vivai segnano uno dei maggiori picchi di lavoro di tutto l’anno, nonostante la crisi”.

Rispetto al 2008, il fatturato delle aziende del settore si è ridotto di circa il 40%, con punte anche del 50%. Il florovivaismo lombardo muove un giro d’affari di circa 215 milioni di euro all’anno e con il 10% della produzione vivaistica nazionale, la Lombardia è la seconda regione a livello nazionale, dietro solo alla Toscana (che pesa per il 54% del totale). A livello regionale, su tutta la filiera del verde, operano circa 5mila imprese che danno lavoro a più di 14mila persone. In Lombardia la superficie dedicata al florovivaismo supera i 6 mila ettari e le province più vocate sono Mantova e Cremona, mentre Como, Lecco, Varese e Monza Brianza hanno puntato su produzioni specializzate. Secondo l’ultimo censimento dell’agricoltura, le superfici florovivaistiche a livello provinciale sono così distribuite: Como 480 ettari, Lecco 337, Varese 322 ettari, Sondrio 12, Milano 324, Bergamo 475, Brescia 843, Pavia 232, Cremona 901, Mantova 1.768, Lodi 104 e Monza Brianza 362.

(Fonte: Coldiretti Como-Lecco)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento