menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Milena_Gabanelli

Milena_Gabanelli

Moncler smentisce Report e mette in campo gli avvocati

Moncler non ci sta e dà mandato ai suoi avvocati "di tutelare l'azienda in tutte le sedi opportune". All'indomani della messa in onda della puntata di Report la nota azienda di piumini, guidata dall'imprenditore comasco Remo Ruffini, rispedisce al...

Moncler non ci sta e dà mandato ai suoi avvocati "di tutelare l'azienda in tutte le sedi opportune". All'indomani della messa in onda della puntata di Report la nota azienda di piumini, guidata dall'imprenditore comasco Remo Ruffini, rispedisce al mittente ogni accusa emersa dall'inchiesta della giornalista Sabrina Giannini andata in onda nella trasmissione condotta da Milena Gabanelli su Rai 3 ieri sera (2 novembre 2014).

Sabrina Giannini, ha cercato di fare luce sull'inquietante pratica della "spiumatura" delle oche vive che procura sofferenza nell'animale. Questa pratica disumana procura il 100% di oche ferite e il 20% di animali che riportano lesioni mortali. Le normative dell'Unione Europea vieterebbero simili pratiche che comunque vengono eseguite in Ungheria, paese leader nella produzione di piume d'oca. Queste piume, si evince dal servizio di Report, servirebbero anche a riempire i piumini della Moncler. Accusa, questa, smentita categoricamente dall'azienda di Ruffini, che avrebbe deciso, inoltre, di delocalizzare nei Paesi dell'Est Europa molti passaggi della produzione (altra accusa respinta). "Il Made in Italy non mi interessa perché voglio il massimo della qualità e lo ottengo producendo all'estero", questo è il Ruffini pensiero riportato da Report. Una filosofia che porterebbe a un prodotto finito confezionato all'estero a costi assai inferiori al prezzo di vendita al pubblico nei negozi. A seguito anche della puntata di Report oggi il titolo Moncler ha risentito di un picco al ribasso in borsa.

Per tutto il giorno Quicomo ha cercato di contattare Remo Ruffini, ma è stato impossibile avere una sua dichiarazione a commento del caso sollevato dalla trasmissione della Gabanelli. L'azienda ha preferito affidarsi a un comunicato stampa che riportiamo integralmente.

Moncler, a seguito della trasmissione di Report di domenica 2 novembre, specifica che tutte le piume utilizzate in Azienda provengono da fornitori altamente qualificati che aderiscono ai principi dell'ente europeo EDFA (European Down and Feather Association), e che sono obbligati contrattualmente a garantire il rispetto dei principi a tutela degli animali, come riportato dal codice etico Moncler (consultabile sul sito www.monclergroup.com sezione governance al punto 6.4). Tali fornitori sono ad oggi situati in Italia, Francia e Nord America. Non sussiste quindi alcun legame con le immagini forti mandate in onda riferite a allevatori, fornitori o aziende che operano in maniera impropria o illegale, e che sono state associate in maniera del tutto strumentale a Moncler. Per quanto riguarda la produzione, Moncler conferma, come già ha comunicato inascoltata a Report, che produce in Italia e in Europa: in Italia quantità limitate, e in Europa nei luoghi deputati a sostenere la produzione di ingenti volumi con elevato know-how tecnico che garantisca la migliore qualità riconosciuta a Moncler dai consumatori. Moncler non ha mai spostato la produzione come afferma il servizio, visto che da sempre produce anche in Est Europa. In Italia ha mantenuto collaborazioni efficienti con i migliori laboratori. Per quanto riguarda i ricarichi, il costo del prodotto viene moltiplicato, come d'uso nel settore lusso, di un coefficiente pari a circa il 2,5 dall'azienda al negoziante, a copertura dei costi indiretti di gestione e distribuzione. Nei vari Paesi la distribuzione applica poi, in base al proprio mercato di riferimento, il ricarico in uso in quel mercato. È evidente quindi che le cifre menzionate nel servizio, che prendono in considerazione solo una piccola parte del costo complessivo del prodotto, sono del tutto inattendibili e fuorvianti. L'azienda ha dato mandato ai propri legali di tutelarsi in tutte le sedi opportune.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento