Lotta all’evasione fiscale, in provincia di Como soldi recuperati solo da 5 comuni

Incassati solo 15mila euro, la Uil: "Contributo deludente, ruolo del comune di Como inconsistente. Più tasse per i cittadini onesti"

Poco più di 15mila euro: tanti sono i soldi incassati in Provincia di Como dalla lotta all'evasione fiscale e contributiva, con contributi che arrivano solamente da 5 comuni su 149.
E' quanto emerge dall'elaborazione della Uil del Lario dei dati diffusi dal Ministero dell'Interno sulla compartecipazione dei comuni al contrasto all'evasione nell'anno 2017 (dati estratti dal provvedimento del Ministero dell'Interno del 6 settembre 2018).

Ebbene, secondo l'analisi della Uil del Lario, il contributo delle province di Como e Lecco è deludente.
Complessivamente sono stati recuperati solo 15.026,77 euro in Provincia di Como e  285,92 euro in quella di Lecco.

La lotta all'evasione fiscale in provincia di Como

Il sindacato definisce "inconsistente il ruolo del Comune di Como nel contrasto all’evasione: è grazie al comune di Cantù se si registra un incremento in Provincia di Como della riscossione nell’anno 2017 (+117,5%) rispetto all’anno 2016.
In provincia di Como hanno contribuito al contrasto all’evasione fiscale nell’anno 2017 solo 5 comuni su 149 totali (il 3,36%), mentre nel 2016 erano 8. Si tratta di Cantù, Como, Lomazzo, Mariano Comense e Rovello Porro.

Nel dettaglio, Cantù nel 2017 ha recuperato 11.096,89 euro, mentre nel 2016 solamente 891,74 (dunque incremento del +1144,4%). 
Como ha recuperato solamente 1.991, 53 euro, contro i 2.405,16 del 2016, facendo registrare un calo del 17,2%.
In calo del 33,3% anche Lomazzo, che passa dai 150 euro raccolti nel 2016 ai 100 del 2017.
-21% per Mariano Comense, passata da 1.712,92 euro a 1.353,89.
Risultato negativo, infine, anche per Rovello Porro, che nel 2016 aveva recuperato 1.049,66 euro e nel 2017 solamente 484,46 euro (-53,8%).

In totale, dunque, sono stati recuperati 15.026,77 euro nel 2017 contro i 6.909,48 del 2016 (+117,5%).

La lotta all'evasione fiscale in provincia di Lecco

Peggio ancora sull'altro versante del Lago dove il contributo del comune capoluogo è stato nullo. In provincia di Lecco ha contribuito al contrasto all’evasione fiscale nell’anno 2017 solo 1 comune su 85 totali (1,18%), mentre nel 2016 erano 5. I soldi recuperati sono quindi passati da 4.398,27 euro a 285,92 (-93,5%) raccolti dal solo comune di Carenno. 
 

Il commento della Uil del Lario

"Questa sterile lotta all’evasione fiscale da parte dei Comuni e conseguente mancate entrate nelle casse degli Enti Locali pesa sui Cittadini onesti, sui quali grava un’imposizione fiscale e costi dei servizi più alti (addizionale irpef, retta asilo nido ecc.) - spiega Salvatore Monteduro, Segretario Generale CST UIL del Lario- Tutti i Comuni devono sentirsi impegnati nel contrasto all’evasione fiscale, gli ultimi dati parlano di 109 miliardi di euro di risorse sottratte alle finanze pubbliche, fondamentali per garantire una diminuzione della pressione fiscale che grava sul mondo del lavoro e pensionati e per garantire un’equità sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lomazzo, non esce dalla camera d'albergo: ragazza di 20 anni trovata in fin di vita

  • Scomparso da casa, ritrovato in fin di vita in un bosco a Villa Guardia

  • Dramma nel bosco a Rebbio: uomo trovato impiccato a un albero

  • Incidente a Camerlata: l'ex calciatore dell'Inter Cordoba si schianta con il Range Rover

  • Como, cerca di sedare una lite marito e moglie, ma lei lo colpisce in faccia con un bicchiere

  • Precipita in montagna per 50 metri: morto un uomo di Lurago Marinone

Torna su
QuiComo è in caricamento