menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
casino-campione

casino-campione

Le ricadute del nuovo cambio Franco-Euro: casinò, frontalieri e carta sconto benzina

Gli incassi sono in euro, ma le spese e i costi sono in franchi svizzeri. Risultato: nella sola giornata di ieri il Casinò di Campione d'Italia ha visto lievitare i suoi costi di 20 milioni di euro. E' una delle tantissime ricadute sul territorio...

Gli incassi sono in euro, ma le spese e i costi sono in franchi svizzeri. Risultato: nella sola giornata di ieri il Casinò di Campione d'Italia ha visto lievitare i suoi costi di 20 milioni di euro. E' una delle tantissime ricadute sul territorio comasco dell'eliminazione da parte della Banca Nazionale Svizzera della soglia massima del cambio che fino a due giorni fa era fissato a 1,20 franchi per ogni euro e che adesso, invece, ha toccato una sostanziale parità tra le due monete.

Le ricadute previste sono sia positive che negative. Le associazioni di commercianti, infatti, attendono un flusso di consumatori ticinesi maggiore già nell'immediato futuro proprio perché i prezzi italiani (e quindi, per comodità, quelli dei negozi vicini al confine) diventano più appetibili per i cittadini svizzeri. Inoltre, gli stipendi dei frontalieri grazie al nuovo cambio aumenteranno il loro potere d'acquisto sul suolo italiano. Una ricaduta potrebbe anche esserci sulla carta sconto benzina: se il carburante costerà quasi uguale a Como e in Ticino che senso potrebbe più avere lo sconto benzina, considerato il fatto che potrebbe non essere più conveniente il pendolarismo del pieno?

Per quanto riguarda Campione d'Italia il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d'Italia) ha chiesto alla presidente della Commissione speciale per i Rapporti con la Confederazione Svizzera di Regione Lombardia, Francesca Brianza, di convocare un'audizione urgente - allargata all'assessore regionale al Bilancio Massimo Garavaglia e al sottosegretario agli Enti Locali, Daniele Nava, con Comune (sindaco e vicesindaco) e Casinò (amministratore delegato): Francesco Dotti (Fratelli d'Italia)"Gli amministratori dell'enclave hanno sin da ieri invocato interventi urgenti, mentre, riprendendo le affermazioni dell'ad del Casinò (che da' lavoro a 530 persone), in una sola giornata i costi sono aumentati di 20milioni (alla luce anche del fatto che la maggior parte degli incassi e' in euro, mentre le spese vengono effettuate in franchi). L'audizione sarà anche l'occasione per analizzare le ricadute transfrontaliere, soprattutto sul medio-lungo periodo, della decisione assunta ieri dalla Banca Nazionale Svizzera".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento