rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Economia Cantù / Via Domea, 4

Indennità di confine per medici e infermieri: la petizione dell'ospedale di Cantù

La richiesta per limitare l'emorragia di personale sanitario verso la Svizzera

Oltre 1100 firme per chiedere l'applicazione dell'indennità di confine sono state consegnate oggi, 17 gennaio 2023, al presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi presso l'ospedale Sant'Antonio Abate di Cantù. A consegnare la petizione nelle mani di Fermi è stata la Uil Fpl Lario e Brianza.

Le firme sono state raccolte tra i lavoratori del territorio per chiedere l'istituzione della cosiddetta "indennità di confine" soprattutto per far fronte all'imminente emergenza relativa al personale sanitario. Il sindacato ha fatto presente a Fermi "la forte emergenza del personale sanitario a seguito delle informazioni dei media svizzeri che evidenziano la carenza di 7milaunità, tra Infermieri e personale sanitario della Confederazione Elvetica".

"Abbiamo il timore - hanno inoltre spiegato dalla Uil - che la percentuale più alta la potrebbero prendere proprio dai nostri territori. La Uil fpl Lario e Brianza chiede alla Regione Lombardia un grande impegno nel bloccare o almeno, limitare l'emorragia di personale sanitario verso la Svizzera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indennità di confine per medici e infermieri: la petizione dell'ospedale di Cantù

QuiComo è in caricamento