rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Ticino lo spot contro le aziende italiane

Nuovo spot anti italiani in Svizzera. Un appello di 26 secondi - prodotto dalla Camera di Commercio ticinese - rivolto a imprenditori e consumatori perché si avvalgano di manodopera, lavoro e prodotti esclusivamente elvetici. La metafora...

Nuovo spot anti italiani in Svizzera. Un appello di 26 secondi - prodotto dalla Camera di Commercio ticinese - rivolto a imprenditori e consumatori perché si avvalgano di manodopera, lavoro e prodotti esclusivamente elvetici. La metafora utilizzata è semplice: non bagnare l'erba del vicino. "Ogni goccia che cade lontano rende il vostro prato meno verde - dice la voce fuori campo - investire nel giardino del vicino può essere pericoloso: nutriamo il nostro territorio, lavoriamo con le imprese locali”.

Lo spot, dai toni non particolarmente aggressivi, è l'ultimo anello di una lunga catena. Negli ultimi anni hanno fatto notizia le campagne politiche dell'Udc ticinese. La più conosciuta è stata "Bala i ratt" dove i frontalieri erano reppresentati come ratti avidi attaccati al formaggio svizzero.

In un'altra occasione sono comparsi cartelloni che mostravano professionisti Svizzeri ridotti in mutande, sempre per una presunta colpa italiana.
Si parla di

Video popolari

In Ticino lo spot contro le aziende italiane

QuiComo è in caricamento