Sabato, 31 Luglio 2021
Economia

Il tessile comasco in ripresa: + 6% nel 2014

Anche nel 2014 l’industria serica comasca ha proseguito lo sviluppo positivo che l’ha caratterizzata nel suo complesso a partire dal 2010 in poi. In base ai dati raccolti da Sistema Moda Italia e dal Gruppo Filiera Tessile di Unindustria Como...

tessile

Anche nel 2014 l'industria serica comasca ha proseguito lo sviluppo positivo che l'ha caratterizzata nel suo complesso a partire dal 2010 in poi.

In base ai dati raccolti da Sistema Moda Italia e dal Gruppo Filiera Tessile di Unindustria Como, su base cumulata, il periodo Gennaio-Settembre 2014 ha presentato una crescita del fatturato pari al +6%. Le vendite espresse in quantità hanno palesato uno sviluppo leggermente meno sostenuto (+4,8%), ma pur tuttavia positivo, dopo la diminuzione registrata nel 2013.

La proiezione di questi dati sull'anno fa prevedere che la crescita nel 2014 sia stata più forte rispetto a quella di dodici mesi fa (nel 2013 era stata del 2,6%, in termini di fatturato).

I risultati complessivi del settore sintetizzano dinamiche a volte assai diversificate tra le singole aziende, in presenza di un contesto concorrenziale assai impegnativo sia all'interno, sia all'esterno del distretto.

Il tessuto per abbigliamento femminile, che rappresenta la componente più rilevante tra le diverse produzioni seriche, ha contribuito in maniera decisiva al buon risultato di tutto il comparto. L'incremento del fatturato è stato a due cifre.

Il tessuto per cravatteria ha evidenziato un'ulteriore flessione, ancora più sensibile sotto il profilo quantitativo, per un prodotto che risente degli effetti di una riduzione strutturale dei consumi finali.

L'accessorio tessile (foulards, scialli, sciarpe, stole, bandane, ecc.), dopo una pausa subita nel periodo iniziale dell'anno, ha recuperato i livelli che aveva perduto, soprattutto in termini monetari.

Il prodotto serico in massima parte è destinato ai mercati esteri e la buona dinamica delle esportazioni delle confezioni donna realizzate in Italia con seta o fibre chimiche continue ha dato tono all'andamento delle vendite dei tessuti ai produttori nazionali. Anche l'esportazione diretta del tessuto serico, peraltro, è stata nel complesso non sfavorevole.

Le prospettive risentono delle incognite che gravano sullo scenario internazionale, dove mercati come la Russia si sono raffreddati e dove le tensioni mediorientali hanno influenzato le aspettative di alcuni mercati. Dal nostro Paese, nel contempo, ci si aspetta un clima migliore, sotto la spinta di Expo 2015 e dell'auspicabile miglioramento dei consumi.

(Fonte: Unindustria Como)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il tessile comasco in ripresa: + 6% nel 2014

QuiComo è in caricamento