Fioristi comaschi contro gli abusivi: "Concorrenza sleale"

Fioristi comaschi sul piede di guerra contro la concorrenza abusiva (e sleale). Oggi durante l'assemblea dei fioristi che si è tenuta nella sede di Confcommercio Como in via Ballarini è stata affrontata questa problematica, ma anche la questio...

Fioristi comaschi sul piede di guerra contro la concorrenza abusiva (e sleale). Oggi durante l'assemblea dei fioristi che si è tenuta nella sede di Confcommercio Como in via Ballarini è stata affrontata questa problematica, ma anche la questio Tares, visto che la nuova tassa sui rifiuti inciderà particolarmente sulla categoria dei fioristi. Molto dura contro i venditori abusivi di fiori è Anna Lucia Carbognin, presidente regionale dell'associazione Dettaglianti fiori e piante: "Rivolgiamo un appello alle amministrazioni comunali affinché intervengano per impedire lo svolgimento di attività abusive di vendita di fiori e piante. Non mi riferisco solo ai venditori abusivi come i soliti immigrati extracomunitari che vendono rose, ma anche alle associazioni per così dire onlus che durante le feste stazionano sul suolo pubblico anche senza permesso per vendere piante. Quella è concorrenza sleale verso i commercianti in regola".

A proposito di Tares, invece, Maria Teresa Tagliabue, presidente provinciale dei fioristi, teme che la categoria possa accusare un duro colpo: "Si parla di un incremento della tassa rifiuti di oltre il 200%. Lanciamo un appello al Comune affinché preveda incentivi con conseguenti sgravi di costi dovuti alla Tares per quelle attività che riescano a indirizzare i propri rifiuti prodotti verso un'attività di compostaggio, cioè il riutilizzo dei rifiuti. Del resto, vorrei ricordarlo, il compostaggio genera anche reddito".

Si parla di

Video popolari

Fioristi comaschi contro gli abusivi: "Concorrenza sleale"

QuiComo è in caricamento