Economia piazzale Maestri Campionesi

Fallimento del casinò di Campione, allarme della Cgil: "Situazione tragica, intervenga la politica"

A preoccupare il sindacato è la sorte dei 500 dipendenti

Il Casinò di Campione d'Italia

Non si placano le polemiche dopo il clamoroso fallimento del Casinò di Campione d'Italia, dichiarato venerdì 27 luglio 2018 dal Tribunale di Como. 
A farsi sentire il giorno dopo è la Cgil di Como che in una nota ufficiale lancia un grido d'allarme per i 500 dipendenti della casa da gioco dell'enclave, definita "una situazione drammatica": "In un comune con meno di duemila abitanti - commenta Giacomo Licata, segretario generale Cgil Como - fallisce l’unica azienda del territorio che occupa cinquecento persone. Inoltre, si dice che il Comune dovrebbe passare dagli attuali 104 dipendenti a circa venti. Inutile, quindi, sottolineare quanto sia drammatico il momento".

Quello che il sindacato vuole sottolineare è "il silenzio della politica": "Fra le istituzioni - aggiunge Licata - e chi ha responsabilità di Governo nessuno ha sentito l’esigenza di portare solidarietà ai lavoratori e soprattutto preoccuparsi di analizzare con i soggetti coinvolti le possibili soluzioni. A Campione c’è un problema di ordine pubblico e di tenuta sociale di una comunità. Il nostro territorio, che tra l’altro esprime importanti figure sia in Regione sia nel Governo e, ha urgente bisogno di attenzione. Chiediamo al Ministero degli Interni, al Prefetto e alle istituzioni politiche ed economiche tempestivi interventi - prosegue Licata- Per quanto riguarda l’azione sindacale, siamo impegnati a tutelare i lavoratori utilizzando tutte le procedure che le norme consentono, a cominciare da una richiesta di incontro ai curatori per verificare se possono esserci le condizioni per disporre l'esercizio provvisorio, che eviti la sospensione delle attività economiche senza retribuzione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento del casinò di Campione, allarme della Cgil: "Situazione tragica, intervenga la politica"

QuiComo è in caricamento