Economia

Dopo l'Iseo ecco la passerella sul Lago Maggiore. E a Como?

Prende corpo in Canton Ticino l'idea di un'opera ispirata a quella di Christo

The Floating Piers sul Lago d'Iseo

Dopo il clamoroso successo della passerella dell'artista americano Christo sul Lago d'Iseo, "The Floating Piers",  installazione temporanea che dal 18 giugno al 3 luglio del 2016 ha chiamato sul piccolo lago lombardo migliaia di turisti da tutto il mondo, si apprende che in Canton Ticino sarebbe in avanzata fase di studio un progetto simile per il Lago Maggiore. Nello specifico, il gruppo promotore starebbe lavorando da diversi mesi all'idea di collegare il Parco Botanico delle Isole di Brissago con Ascona.

Nel progetto si punterà soprattutto alla sicurezza e al rispetto dell'ambiente con l'intento però di trasmettere attraverso questa "camminata temporanea sull'acqua " un messaggio concreto per valorizzare l'immagine di una regione e di un Cantone innovativi. Come e quando è ancora da definire, si procede con prudenza, senza correre. In altre parole, oltre a tutti i permessi del caso, occorre avere le idee molte chiare, sia in termini di durata, si parla di anni, ma anche in termini di flussi turistici. 

Insomma se sulla sponda svizzera del Lago Maggiore si stanno gettando le basi per un nuovo "Floating Piers", sul nostro Lario nulla del genere è mai stato preso anche solo in considerazione. Piuttosto, Barbara Minghetti, manager del Teatro Sociale, nonchè consulente del Regio di Parma e direttore artistico dello Sferisterio di Macerata, evoca da tempo la nascita un palco galleggiante sul Lago di Como da utilizzare per gli eventi estivi. Un'idea nata ispirandosi al successo del Festival di Bregenz, che si svolge sul Lago di Costanza grazie alla magnifica scenografia del suo teatro sull'acqua. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'Iseo ecco la passerella sul Lago Maggiore. E a Como?

QuiComo è in caricamento