Campione d'Italia: ecco la legge per salvare l'enclave e il suo casinò

Prevista la nomina di un commissario che dovrà valutare la possibilità di riaprire la casa da gioco affidandola a un nuovo gestore

E' stato convertito in legge il decreto legislativo dello scorso mese di ottobre che contiene alcune disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria. Tra queste disposizioni ce ne sono anche alcune che riguardano il Comune di Campione d'Italia. Di fatto si tratta di norme che dovrebbero favorire il rilancio dell'enclave anche e sopratutto attraverso il rilancio del suo Casinò. Infatti, come silegge nella legge pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2018 "entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione" sarà nominato "un commissario straordinario incaricato di valutare la sussistenza delle condizioni vper l’individuazione di un nuovo soggetto giuridico per la gestione della casa da gioco nel Comune di Campione d’Italia".
Il commissario, si legge inoltre nella legge, al fine di superare la crisi sociooccupazionale del territorio "opera anche in raccordo con gli enti locali e territoriali della regione Lombardia nonché con operatori economici e predispone, entro quarantacinque giorni, un piano degli interventi da realizzare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La legge contiene anche una serie di agevolazioni fiscali per i contribuenti che vivono o lavorano a Campione. Per esempio, all'articolo 4 della legge si legge che "ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, i redditi, diversi da quelli d’impresa, delle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del Comune di Campione d’Italia, nonché i redditi di lavoro autonomo di professionisti e con studi nel Comune di Campione d’Italia, prodotti in franchi svizzeri nel territorio dello stesso comune, e/o in Svizzera, sono computati in euro sulla base del cambio di cui all’articolo 9, comma 2, ridotto forfetariamente del 30 per cento". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mascherine, in Lombardia stop all'obbligo all'aperto dal 15 luglio

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Miss Mondo: sei le comasche in semifinale. Ecco le loro foto

  • Laura, negoziante guerriera, dice no a Como duty free

  • Incidente sulla Valassina: traffico in tilt in direzione Milano

  • Incidente in moto a Valmorea: morto un ragazzo di 19 anni

Torna su
QuiComo è in caricamento