Campione d'Italia: ecco la legge per salvare l'enclave e il suo casinò

Prevista la nomina di un commissario che dovrà valutare la possibilità di riaprire la casa da gioco affidandola a un nuovo gestore

E' stato convertito in legge il decreto legislativo dello scorso mese di ottobre che contiene alcune disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria. Tra queste disposizioni ce ne sono anche alcune che riguardano il Comune di Campione d'Italia. Di fatto si tratta di norme che dovrebbero favorire il rilancio dell'enclave anche e sopratutto attraverso il rilancio del suo Casinò. Infatti, come silegge nella legge pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2018 "entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione" sarà nominato "un commissario straordinario incaricato di valutare la sussistenza delle condizioni vper l’individuazione di un nuovo soggetto giuridico per la gestione della casa da gioco nel Comune di Campione d’Italia".
Il commissario, si legge inoltre nella legge, al fine di superare la crisi sociooccupazionale del territorio "opera anche in raccordo con gli enti locali e territoriali della regione Lombardia nonché con operatori economici e predispone, entro quarantacinque giorni, un piano degli interventi da realizzare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La legge contiene anche una serie di agevolazioni fiscali per i contribuenti che vivono o lavorano a Campione. Per esempio, all'articolo 4 della legge si legge che "ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, i redditi, diversi da quelli d’impresa, delle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del Comune di Campione d’Italia, nonché i redditi di lavoro autonomo di professionisti e con studi nel Comune di Campione d’Italia, prodotti in franchi svizzeri nel territorio dello stesso comune, e/o in Svizzera, sono computati in euro sulla base del cambio di cui all’articolo 9, comma 2, ridotto forfetariamente del 30 per cento". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Turismo sul Lago di Como, si prospetta una tragedia economica

  • Idee anticrisi, ecco i dining bonds: li paghi meno di quello che valgono, li spendi alla riapertura del ristorante

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • Isolamento estremo: a Fino Mornasco dal 22 febbraio una famiglia con 2 bimbe non esce di casa

Torna su
QuiComo è in caricamento