Economia

Commercianti comaschi a caccia di clienti in Ticino

A caccia di clienti oltre frontiera. Parte oggi in Ticino la campagna promozionale del Distretto Urbano del Commercio di Como (Duc). Obiettivo, incentivare gli svizzeri allo shopping in riva al Lario pubblicizzando in modo virale il diritto al...

shopin-como

L'iniziativa - intitolata ShopinComo - è un percorso tra arte, storia, cultura e commercio in vista di Expo2015. E' stata, illustrata questa mattina a palazzo Cernezzi dal manager del Duc, Lorenzo Donegna, alla presenza dell'assessore alle Attività Produttive Gisella Introzzi, del presidente di Confcommercio Giansilvio Primavesi, dell'assessore alla Cultura, Luigi Cavadini, e del presidente degli albergatori, Roberto Cassani (nella foto).

Al centro della campagna le eccellenze della città sul fronte commerciale: lo shopping, le grandi marche e l'unicità dell'artigianato, delle boutique e dei mercati storici. L'accoglienza, spiegano gli organizzatori, vuole puntare sulla capacità e la professionalità degli operatori comaschi, sui i servizi con le diverse modalità per raggiungere la città e infine sull'arte grazie agli itinerari definiti "dell'attrattività". È stato, infatti, pensato un percorso per il turista che vuole affiancare allo shopping un tour per i luoghi della cultura lariana, quali l'eredità voltiana, la città romana, la città medievale e i monumenti razionalisti. "Como non può che guardare a turismo e a commercio come ad attività fortemente intrecciate - ha detto Gisella Introzzi - Sono molto soddisfatta di questa iniziativa, si tratta del primo di molti progetti del Distretto Urbano del Commercio".

Intanto oggi è partita la campagna pubblicitaria in Ticino, tra Chiasso, Mendrisio e Lugano. Stessa azione di marketing anche in Italia. Inoltre programmati spot su Espansione TV e sulla Televisione svizzera."Ogni passo avanti per il turista gioca inevitabilmente in favore dei comaschi - ha sottolineato Primavesi - L'obiettivo è intercettare la clientela svizzera per sostenere le imprese commerciali".

Il progetto è costato 150mila euro. "Un'iniziativa che nasce per preparare al meglio la nostra città in vista di Expo2015 - ha aggiunto il numero uno di via Ballarini - e che non solo punta a aumentare il numero dei visitatori ma intende fidelizzarli perché tornino in città".

L'iniziativa è promossa dal Comune di Como in collaborazione con Camera di Commercio, Confcommercio e sostenuta da Regione Lombardia attraverso il Bando che ha finanziato le iniziative a favore delle imprese e dell'attrattività turistica in funzione di Expo 2015.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercianti comaschi a caccia di clienti in Ticino

QuiComo è in caricamento