Venerdì, 24 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiasso e l'incontro con le imprese italiane: "Qui meno tasse e più serietà"

Meno pressione fiscale, meno burocrazia e più serietà. Sono i motivi principali che hanno spinto 300 imprenditori italiani a partecipare all'incontro "Benvenuta impresa nella città di Chiasso" che si è svolto questa mattina allo Spazio...

Meno pressione fiscale, meno burocrazia e più serietà. Sono i motivi principali che hanno spinto 300 imprenditori italiani a partecipare all'incontro "Benvenuta impresa nella città di Chiasso" che si è svolto questa mattina allo Spazio Officina della città ticinese.

Chiasso, dunque, apre le porte all’impresa e agli imprenditori italiani che vogliono investire in Svizzera. Un’iniziativa promossa dal Municipio di Chiasso in collaborazione con l’Apec e all’ente regionale di sviluppo del Mendrisiotto. Oggi i primi trecento imprenditori che sono riusciti ad iscriversi tempestivamente hanno potuto partecipare all’incontrio dove sono stati illustrati motivi e vantaggi per i quali può essere conveniente spostare l'azienda oltre confine.

A fare gli onori di casa il sindaco di Chiasso Moreno Colombo: “Molti imprenditori stanno arrivando a Chiasso. Ci saranno delle regole chiare, minore fiscalità, minore burocrazia e sicurezza del diritto. Queste regole garantiscono il buon funzionamento del sistema svizzero”.

I numerosi imprenditori presenti non hanno certo nascosto la grande amarezza e la delusione verso il sistema . “Chi lavora in Svizzera è premiato, in Italia non è così - ha dichiarato un’imprenditrice della Delta D di Faloppio - Se potessi andrei subito, lo dico io che sono patriottica”. Gli ha fatto eco un imprenditore comasco nel settore della arti grafiche: “Della Svizzera mi attira soprattutto la serietà”.

L’iniziativa ha suscitato molto clamore stabilendo un record di richieste: 627 imprese per un totale di 1224 imprenditori a cui verrà data comunque la possibilità di confrontarsi con l’Ente regionale del Mendrisiotto. “La cosa che mi sorprende è il clamore suscitato da questa iniziativa”- ha dichiarato un consulente aziendale del Canton Ticino – Il fatto che questi imprenditori vogliano venire in Svizzera non implica nulla di male. La libertà di impresa è sancita in tutti i principi”.

Si parla di

Video popolari

Chiasso e l'incontro con le imprese italiane: "Qui meno tasse e più serietà"

QuiComo è in caricamento