menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
mauro-frangi

mauro-frangi

Aumento Iva su servizi socio-sanitari, lettera ai parlamentari comaschi: "Opponetevi"

Una lettera ai parlamentari comaschi per invitarli a chiedere al governo di non innalzare l'Iva sui servizi socio-sanitari dal 4% al 10% è stata condivisa, sottoscritta e inviata da Confcooperative Como e dai sindaci dei principali comuni della...

Una lettera ai parlamentari comaschi per invitarli a chiedere al governo di non innalzare l'Iva sui servizi socio-sanitari dal 4% al 10% è stata condivisa, sottoscritta e inviata da Confcooperative Como e dai sindaci dei principali comuni della provincia. Ai parlamentari, per la precisione viene chiesto di sostenere la modifica della norma che prevede l'innalzamento dell'Iva sui servizi socio-sanitari, educativi ed assistenziali svolti dalle cooperative sociali (articolo 12 commi 14-16 del recente Disegno di Legge di Stabilità 2013 approvato dal governo, attualmente all'esame del parlamento nelle prossime settimane).

"E' un aumento del 150% - commenta Mauro Frangi, presidente di Confcooperative Como (nella foto) - che mina al cuore gli ambiti in cui operano le cooperative sociali: l'assistenza agli anziani, ai portatori di handicap, ai tossicodipendenti, ai minori che vivono in condizioni di disagio, ai disabili. L'aliquota agevolata del 4% non è un privilegio o un regime di favore per le cooperative sociali, al contrario, garantisce che i fruitori finali dei servizi - Enti Locali affidatari e cittadini - sostengano costi inferiori per le prestazioni che ricevono".

Otto i primi cittadini della provincia (Como, Cantù, Mariano Comense, Erba, Fino Mornasco, Olgiate Comasco, Menaggio e Dongo) che hanno sottoscritto con Confcooperative Como l'appello ai Parlamentari. A loro si sono aggiunti il Coordinatore Piccoli Comuni dell'ANCI e i Presidenti dell'Unione dei Comuni Terre di frontiera e dell'Unione dei Comuni Lario e Monti.

"E' un colpo durissimo ed insostenibile - sostiene Frangi - prima ancora che per la cooperazione sociale, per il welfare municipale. Senza una modifica di questo provvedimento si ridurranno drasticamente i servizi sociali degli Enti Locali e le famiglie saranno chiamate a contribuire ulteriormente al loro finanziamento. La vicinanza dei primi cittadini del nostro territorio - aggiunge - conferma l'attenzione al ruolo della cooperazione sociale come soggetto capace di contribuire al bene comune ed alla coesione delle nostre comunità. Sono certo che non mancherà l'impegno dei parlamentari comaschi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia, nuova ordinanza: intere province in arancione "scuro"

WeekEnd

Le 5 migliori gite del weekend in zona gialla sul Lago di Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento