Economia del Doss

Como, 4 assunti a tempo determinato al centro diurno di via del Doss

I sindacati plaudono alla decisione del Comune: "Accolte le nostre richieste"

Accogliendo le richieste delle rsu e diCgil, Cisl e Uil, la giunta di Como ha compiuto una scelta importante che va nella direzione del mantenimento e supporto dei servizi pubblici in capo al Comune. Ieri, dopo una consultazione con i sindacati avvenuta nella mattinata, la giunta ha optato per una soluzione del problema della gestione dei servizi affidati agli operatori socio assistenziali presso il Centro disabili diurno (Cdd) di via Del Doss, che vede il pieno accordo della parte sindacale.

Il centro, per mantenere l'accreditamento della Regione, deve disporre di sei operatori ausiliari socio  assistenziali (Asa). Attualmente il servizio è coperto da due operatori assunti a tempo indeterminato e quattro a tempo determinato. Il Comune, prima orientato verso l'esternalizzazione, ha deciso, con una pianificazione a lungo termine, di accogliere le richieste e le sollecitazioni delle rsu e dei sindacati che andavano nella direzione del mantenimento del servizio in capo all’Amministrazione.

"Il Comune ha dimostrato quindi per il settore servizi sociali (ai disabili in particolare) sensibilità ed attenzione - commentano insieme le tre sigle sindacali - modificando il piano assunzionale e prevedendo l’entrata in servizio a tempo indeterminato nei prossimi mesi di quattro Asa (assunti in categoria B). Con questa scelta si registra una svolta che da anni Cgil, Cisl e Uil chiedevano, ma mai accolta dall'ente. Infatti, il Comune non assume personale in questa categoria ormai da diversi anni, i piani assunzionali hanno visto prevalere le categorie C e D con livelli e professionalità differenti e senza investimenti (sotto il profilo occupazionale) sui servizi dislocati sul territorio".

"Nel corso delle trattative riguardanti i servizi del centro - fanno sapere i sindacati - le Rsu e le segreterie territoriali di Cgil, Cisl e Uil si sono opposte a ulteriori esternalizzazioni dei servizi paventate dall’amministrazione comunale e hanno invece chiesto con forza la realizzazione di un progetto che prevedesse una soluzione definitiva alle difficoltà del centro tramite l'assunzione di queste figure a tempo indeterminato. I sindacati e le Rsu auspicano che questo sia un primo elemento di cambio di politica sul personale e che in futuro si recuperino anche i servizi oggi esternalizzati o in riduzione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, 4 assunti a tempo determinato al centro diurno di via del Doss

QuiComo è in caricamento