Casinò di Campione, firmato l'accordo per scongiurare i 156 licenziamenti

Con un referendum i dipendenti hanno detto sì all'intesa: previsti anche riduzione di orario e stipendio

Il Casinò di Campione d'Italia

I dipendenti del Casinò di Campione d'Italia hanno detto sì all'accordo per evitare i 156 licenziamenti annunciati in questi mesi. 

Il referendum ha visto la partecipazione di 428 dipendenti, oltre l’80 %, e l'esito e' stato inequivocabile: il 70% circa dei partecipanti al voto (292 dipendenti) ha approvato l'ipotesi di accordo.

A fronte di tale esito - fa sapere la direzione della casa da gioco in una nota ufficiale giovedì 17 maggio 2018- si è pervenuti alla formalizzazione, con le organizzazione sindacali, dell' intesa presentata il 12 maggio 2018 "che costituisce un tassello fondamentale del piano di ristrutturazione aziendale e una solida base su cui lavorare per il superamento dell’attuale grave momento di crisi, ponendo i presupposti - in presenza degli ulteriori successivi indispensabili adempimenti anche degli altri soggetti coinvolti - per giungere al superamento della procedura concorsuale pendente e garantire il rilancio della società".

Cosa prevede l'accordo

L'intesa costituisce il risultato finale, cui si è giunti al termine della consultazione nel corso della quale si è ricercata una soluzione che consentisse di scongiurare i 156 licenziamenti annunciati.

Gli esuberi, spiega la nota, saranno limitati a 30 persone "individuate tra coloro che hanno già maturato il diritto alla pensione o che hanno i requisiti per poter accedere, attraverso la procedura Fornero, al cosiddetto trattamento di isopensione, sino all’accompagnamento alla pensione".

L'accordo prevede anche una "indispensabile rimodulazione orario e contenimento dei costi del personale, compatibili con l’attuale situazione di mercato e aziendale".
Tra le decisioni intraprese anche quella dell'esternalizzazione del servizio di ristorazione affidandolo a terzi con l'obiettivo di sviluppare l'attività e il bacino di clienti, con l'impegno del mantenimento dei livelli occupazionali e del trattamento economico e normativo.

Nell'accordo è stato stabilito anche un calendario di incontri di confronto con i sindacati per le verifiche di compatibilità rispetto ai principali indicatori di ricavi, costi, cash flow, rapporto di cambio, monitorando così l’andamento gestionale.

La soddisfazione dei vertici del Casinò

"In tale contesto - prosegue la nota- la Direzione opererà con il massimo impegno e serietà professionale e confida che tutti gli altri soggetti coinvolti diano il loro contributo fattivo – nel rispetto dei reciproci ruoli - affinché il percorso di risanamento, oggi indispensabile, sia attuato; essendo indispensabile per la sopravvivenza dell’Azienda. I lavoratori, chiamati a valutare l'ipotesi di accordo con un referendum, -conclude la direzione- hanno mostrato grande senso di responsabilità, nonché di credere nella serietà del percorso delineato dal management aziendale, fiducia chiaramente espressa dagli esiti referendari ed indispensabile per voltare pagina e rilanciare l'azienda".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Tatiana Ortelli, la ragazza morta nell'incidente in via per Cernobbio

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Auto cade nel lago: morta una ragazza in via per Cernobbio

  • Il racconto di una delle giovani vittime e la scoperta del night con prostituzione "di lusso"

  • Incidente via per Cernobbio, arrestato il ragazzo alla guida per reato stradale: aveva bevuto troppo

Torna su
QuiComo è in caricamento