Frittata rognosa, mondeghili e strangolapreti: la cucina tradizionale conquista Cernobbio

Grande successo per lo showcooking dedicato ai piatti tipici lombardi

Dalla frittata rognosa ai mondeghili: la cucina della memoria ha conquistato, sabato 21 settembre 2019, il pubblico di “Qui c’è Campo”, la manifestazione promossa dal Comune di Cernobbio con il sostegno e la partecipazione di Coldiretti Como Lecco e Campagna Amica.

Alla lezione-showcooking dell’agrichef Giulia Di Scanno, dell'agriturismo Al Marnich di Schignano, svoltasi al Centro civico di piazza Santo Stefano a Cernobbio, grandi protagoniste sono state le ricette della tradizione, come quella degli strangolapreti, pietanza che appartiene alla tradizione degli gnocchi di pane, trionfo di una cucina del riuso presente in tutto l’arco alpino e prealpino (dalle ‘cagliette’ valdesi ai ‘canederli/knodel’ tirolesi); oppure quella dei mondeghili, la cui tradizione si rifà alla dominazione spagnola su Milano: il nome della tradizionale polpetta lombarda, schiacciata sui due lati, rimanda infatti allo spagnolo albondeguito (e a sua volta dall’arabo al-bunduc) che indica un consimile piatto tuttoggi in voga nella penisola iberica. Grande successo anche per la cutizza, una sorta di crêpe in veste lariana che Di Scanno ha preparato insieme al tradizionale pan de mej. 

Oltre due ore e mezza di lezione, durante le quali, fra teoria e pratica, i partecipanti hanno avuto modo di riscoprire parte della cucina tradizionale lariana e lombarda, legata a doppio filo alle produzioni dell’agricoltura made in Como e Lecco. Tante le domande da parte del pubblico che ha affollato la sala (l’evento era completamente sold out), incuriosito anche dall’excursus sulla storia della cucina lariana a cura degli esperti di Coldiretti Como Lecco che hanno poi guidato l’abbinamento dei piatti con i vini prodotti nelle due province lariane, da Domaso a Montevecchia.
“Un evento molto partecipato, su una cucina della memoria che oggi trova negli agriturismi un formidabile strumento di trasmissione e contatto culturale con le nuove generazioni”, commentano Fortunato Trezzi e Giovanni Luigi Cremonesi, presidente e direttore di Coldiretti Como Lecco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ottimo successo di pubblico anche per lo “street food agricolo” che è stato protagonista in Riva, sabato e domenica, a cura di un altro Agrichef, Ettore Toso del Mulino Tibis di Rodero, che all’interno del suo truck ha preparato diverse specialità, tra cui lo gnocco fritto con luganega. E infine il mercato agricolo di Campagna Amica che domenica, in edizione straordinaria, ha “doppiato” il successo dello scorso maggio alla prima edizione di Qui c’è Campo; presenti anche i “Giovani Impresa” di Coldiretti Como Lecco con diversi laboratori e la raccolta firme #stopciboanonimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Omicidio in piazza San Rocco a Como: ucciso don Roberto Malgesini

  • Lago di Como, Chiara Ferragni a Blevio con Fedez e la pizza clandestina

  • Chi era don Roberto Malgesini: un vero prete "di strada", in aiuto dei più deboli

  • Sagre e street food: un goloso fine settimana a pochi chilometri da Como

  • Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento