Como, la scuola d'inglese incassa migliaia di euro, poi chiude all'improvviso: studenti beffati (senza lezioni)

La Wall Street English di Como ha chiuso i battenti. Dipendenti non pagati

Bufera sulla scuola Wall Sreet English, sede di Como: la scuola specializzata in corsi privati di inglese ha chiuso i battenti a maggio dopo avere incassato migliaia di euro da numerosi studenti, alcuni dei quali dopo essersi iscritti a marzo non hanno nemmeno potuto seguire una lezione. Infatti fino a poche settimane prima della chiusura la scuola ha continuato a raccogliere le adesioni ai corsi. I ragazzi che si sentono danneggiati hanno deciso di unirsi e formare un gruppo su Facebook per scambiarsi informazion e opinioni oltre che per valutare insieme la possibilità di promuovere una piccola class action. Poco importa che la scuola abbia dato disponibilità di mettere a disposizioni le altre sedi del suo network. Le più vicine sono a Lecco, Vares e Milano. Per molti le lezioni private di inglese sono un'attività svolta nei ritagli di tempo al di fuori del lavoro e sarebbe impensabile impiegare ore solo per andare e tornare dalle lezioni (senza contare il tempo che va trascorso in classe).

Quei lavori che ritardavano le lezioni

Tra marzo e aprile la scuola Wall Street English di Como ha inviato messaggi via WhatsApp agli studenti annunciando che a causa di alcuni lavori alla struttura di via Garibaldi le lezioni sarebbero state temporaneamente sospese. Il primo messaggio è del 27 marzo:

La presente per comunicarvi che La scuola osserverà una prima chiusura per le vacanze pasquali cui seguiranno altri
 giorni di chiusura per una serie di interventi da effettuarsi sulla struttura e che disturberebbero le attività didattiche. 
Chiuderemo pertanto dal giorno 29 marzo ca fino al giorno 14 aprile ca inclusi. 
Tutte le attività riprenderanno regolarmente alla riapertura e eventuale tempo perso verrà recuperato lungo il percorso. 
Grazie a tutti per la pazienza e collaborazione! 
Buona pausa e Buona Pasqua! 
Wse Staff!

Il 13 aprile, cioè il giorno prima della promessa ripresa delle lezioni, è arrivato un altro messaggio dallo staff della scuola:

Caro studente, i lavori in questione si stanno protraendo piu del previsto, siamo per questo costretti a prolungare la chiusura della scuola fino a fine mese. Vi invieremo data precisa di riapertura in seguito. Ci scusiamo per eventuali disagi e vi chiediamo di non preoccuparvi per il vostro corso: tutte le attività saranno recuperate alla riapertura e con un piano definito. 
Per urgenze e necessita' potrete comunque scrivere al numero di cellulare che avete.  Per quanto possibile saremo a vostra disposizione assoluta e agiremo nel vostro interesse. Scusandoci vi aspettiamo al rientro piu' entusiasti di prima. WSE sede di Comochiediamo di non preoccuparvi
per il vostro corso: tutte le attività saranno recuperate alla riapertura e con un piano definito. 
Per urgenze e necessita' potrete comunque scrivere al numero di cellulare che avete.  Per quanto possibile saremo a vostra disposizione assoluta e agiremo nel vostro interesse. Scusandoci vi aspettiamo al rientro piu' entusiasti di prima. WSE sede di Como.

Chiusura improvvisa

Il 4 maggio, poi, è arrivata l'amara sorpresa per i ragazzi che speravano di iniziare finalmente le lezioni d'inglese. L'8 maggio, sempre attraverso una mail inviata a nome dell'azienda, la Wall Street English ha reso noto che dal 4 maggio il centro di Como non era più parte del network e che se gli studenti avessero voluto iniziare (in alcuni casi continuare) le lezioni avrebbero potuto pur sempre raggiungere una delle vicine città in cui hanno sede altri centri dello stesso network. Ecco l'avviso:

Gentile Studente,
Wall Street English è presente in 27 paesi con oltre 400 centri, 70 in Italia, di cui 11 diretti e 59 in franchising. Il centro Wall Street English di Como, gestito dalla società Wall Street Como Srl, affiliata in Franchising a WSE Italy Srl, Master per l’Italia del marchio Wall Street English, non è più parte del nostro network dal giorno 4 maggio 2018.
Nel confermarti che restano saldi gli impegni contrattuali di Wall Street Como Srl nei confronti di tutti gli studenti che hanno un contratto valido, intendiamo rassicurarti circa il nostro impegno a garantire il proseguimento del tuo percorso didattico, oltre ad estenderne opportunamente la durata. Stiamo lavorando perché Wall Street English Como riapra la scuola quanto prima, nel mentre ti sarà possibile,
se gradito, proseguire immediatamente il tuo corso presso alcune delle altre sedi Wall Street English presenti sul territorio.
Per maggiori informazioni puoi contattarci scrivendo all’indirizzo e-mail: studenti@wallstreet.it
Cordiali saluti, WSE Italy Srl

Dipendenti non pagati

Non solo ci sono studenti che hanno versato quote di 1.700 euro o addirittura di 2.200 restando completamente o in parte senza lezioni, ma ci sono anche diversi dipendenti che non avrebbero ricevuto lo stipendio per alcuni mesi, tanto è vero che alcuni di loro si sono rivolti alla Cisl per avviare una vertenza.

La promessa di riaprire

Per il momento non è stato possibile contattare i soci della Wall Street Como Srl. Il numero del rappresentante ha squillato a vuoto. Hanno invece risposto dalla sede centrale italiana del network di franchising. Wall Street English Italia ha fatto sapere di starsi adoperando per aprire quanto prima un nuovo centro a Como. "Nell'attesa - ha spiegato Sergio Molinaro - direttore franchising di Wall Street English Italia - abbiamo messo a disposizione senza costi aggiuntivi le nostre sedi più vicina al capoluogo lariano per chi potesse e volesse spostarsi per seguire le lezioni. Questo non perché il network abbia una responsabilità in quanto successo ma semplicemente perché teniamo al nostro brand e vogliamo che gli studenti che si sono affidati al nostro network siano quanto più soddisfatti possibile".

Molinaro ha poi aggiunto: "Sapevamo che la scuola di Como avrebbe chiuso per le vacanze pasquali e che successivamente la riapertura sarebbe slittata per consentire alcuni lavori di ristrutturazione. Quando abbiamo capito che la scuola di Como non avrebbe più riaperto ci siamo affrettati a sciogliere il contratto di franchising che la legava a noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Como, cosa aspettarsi dal nuovo Dpcm del 16 gennaio: spostamenti, coprifuoco, ristoranti e palestre

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

Torna su
QuiComo è in caricamento