Cronaca

Viale Geno pedonale, c'è molto più di un tweet: si va verso la sperimentazione

Non sembra destinata ad esaurirsi in un tweet della domenica la spinta pedonalizzatrice dell'assessore all'Urbanistica di Palazzo Cernezzi, Lorenzo Spallino. Da lì a riuscire a portare l'interessato allo scoperto con una lunga e articolata...

lorenzo-spallino

Non sembra destinata ad esaurirsi in un tweet della domenica la spinta pedonalizzatrice dell'assessore all'Urbanistica di Palazzo Cernezzi, Lorenzo Spallino. Da lì a riuscire a portare l'interessato allo scoperto con una lunga e articolata intervista sul tema, il percorso è sempre più che in salita. Ma quello che possiamo dire - dopo aver comunque approfondito tra uffici e altri interlocutori - è che quel cinguettio di ieri ("Domenica di sole e viale Geno invasa da centinaia di persone. Non possiamo non pensare di renderlo pedonale") non è affatto una sparata isolata. Ma proprio per niente.

Spallino, infatti, crede sul serio in una possibile fase-test o beta che dir si voglia della pedonalizzazione di viale Geno. Di più: l'intenzione dell'avvocato prestato alla giunta, corroborata anche dell'enorme gradimento almeno ideale che sembra aver riscosso l'idea, sarebbe coinvolgere in tempi molto brevi il sindaco Mario Lucini, l'assessore alla Mobilità Daniela Gerosa e il resto della giunta nella valutazione di una sperimentazione già entro questa primavera-estate. Che poi sarebbe questa: chiudere viale Geno completamente alle auto di domenica (e forse anche di sabato). Poi, in base ai risultati sul campo - senza affidarsi soltanto a ragionamenti teorici - decidere collegialmente se rendere definitiva la scelta. Che, caso mai diventasse realtà, non sarebbe quella di mezzo già applicata negli anni scorsi, con la chiusura del viale soltanto nei fine settimana estivi e comunque unicamente dopo l'esaurimento dei posti auto su strada. In questo caso, la soluzione al vaglio sarebbe drastica: viale Geno totalmente ai pedoni nei weekend, punto. Senza vigili a metà strada, senza contingenti di auto autorizzate, senza viavai intermittente e spesso caotico. Un viale intero affacciato sul lago libero da smog, traffico e pure posteggi (eccezione per i residenti, ovviamente) in ogni weekend.

Inutile dire che - sebbene detta così l'idea abbia trovato molti immediati sostenitori - la materia è comunque delicatissima, dunque il confronto allargato a esecutivo e maggioranza sarà tassativo e impegnativo.

Pare, peraltro, che in Comune circoli un'osservazione di peso rispetto al nodo dei nodi, ossia la cancellazione dei posti auto sul viale nei weekend: di fatto, pur essendo posti blu, quegli stalli restano comunque occupati per ore e ore dalle stesse vetture, durante i giorni festivi. E così, senza un ricambio veloce e costante, di fatto moltissime auto si "intruppano" lungo viale Geno per cercare uno spazio a pagamento che, fondamentalmente, non troveranno quasi mai libero. Il tutto aumentando il traffico a danno dei pedoni, senza reali benefici per la sosta. O almeno così si ragiona a Palazzo Cernezzi, per ora.

viale-geno-dom15-1E rispetto alle critiche inevitabili che arriverebbero da chi, dopo le polemiche sulla nuova Ztl e sulla cronica difficoltà a posteggiare in centro, non accetterà mai (o quasi) l'idea di un viale completamente pedonale nei fine settimana, come replicherà l'assessore? Mistero, fino a che egli stesso non si esporrà d'intesa con la giunta. Ma la sensazione è che quell'argomento ormai non faccia più particolare presa non soltanto su Spallino, vista anche la convinzione diffusa che la valorizzazione dei luoghi simbolo della città possa valere qualche scontro con il "popolo dei parcheggi".

La partita, comunque, è soltanto all'inizio. E c'è da scommettere che sarà spettacolare, comunque finirà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viale Geno pedonale, c'è molto più di un tweet: si va verso la sperimentazione

QuiComo è in caricamento