Viaggiare gratis sui bus. A Como si può

Asf: viaggiare gratis, si può. La vecchia curiera a Como è accessibile anche a chi non ha comprato il biglietto. Una falla nel sistema permette di viaggiare senza spese - sulle corse urbane - e senza troppi problemi. Ci abbiamo provato e in sei...

Asf: viaggiare gratis, si può. La vecchia curiera a Como è accessibile anche a chi non ha comprato il biglietto. Una falla nel sistema permette di viaggiare senza spese - sulle corse urbane - e senza troppi problemi. Ci abbiamo provato e in sei casi su sette ci siamo riusciti (se aggiungiamo anche la fase di test, precedente la nostra inchiesta, arriviamo tranquillamente a 20 corse utilizzate a sbafo). Il metodo è tanto semplice da essere quasi imbarazzante (e peraltro è noto a diversi comaschi che spesso ne approfittano).

Viaggiare a scrocco

Abbiamo scelto 7 corse urbane a caso, tra le 19 e le 19.40 di un qualsiasi giorno feriale. In 6 casi dopo aver chiesto all'autista di acquistare i tagliandi a bordo – soldi alla mano – abbiamo ricevuto sempre la medesima risposta: “Li ho finiti ma si accomodi”. E abbiamo viaggiato senza ostacoli e senza costi. Nell'ultimo caso il conducente ci ha invitati a utilizzare un qualsiasi parcometro (emettitore di tagliandi) e non ci ha permesso di salire. In tutte le circostanze è stato comunque impossibile acquistare il ticket a bordo.

Gli accordi comune Asf

Il contratto di servizio tra Comune di Como e Asf, gestore del servizio, prevede la vendita del tagliando di viaggio, a prezzo maggiorato, anche a bordo del mezzo. L'intesa tra i due soggetti in questo senso è stata raggiunta nel 2008. Il contratto, però, è ambiguo e non chiarisce esattamente cosa debba accadere. L'articolo 13 relativo agli aspetti tariffari parla di vendita a bordo (comma 9 paragrafo d) e prende in esame il caso ma solo relativamente ai giorni festivi e all'utilizzo dei mezzi dopo le 20. tariffeEppure sul sito di Asf alla voce tariffe si parla genericamente di ticket urbano venduto a bordo a 2 euro e 50 (una maggiorazione di 1 euro e 20 rispetto alla tariffa base).

“Non siamo obbligati”

Molti autisti ci hanno spiegato di non essere obbligati a vendere il biglietto a bordo. “Il discorso dei biglietti venduti a bordo è facoltativo – ha spiegato uno di loro – puoi trovarli come non trovarli”. “I tagliandi vanno acquistati a terra. Poi se qualcuno vuole venderli possono essere trovati sul suo bus. Altrimenti, niente”. Un bel caos per i comaschi ma soprattutto per i turisti che non sono certo tenuti a conoscere ogni dettaglio delle tensioni tra azienda e dipendenti.

Sciopero silenzioso

https://www.youtube.com/watch?v=_9d8lv9mlF8 Secondo quanto abbiamo capito è in corso una sorta di protesta silente degli autisti. E' Patrizio Chiappa della Rsu di Asf a confermarlo. “Gli autisti fino a qualche tempo fa avevano un guadagno sui biglietti venduti a bordo. Oggi non li vendono più perché dopo l'aumento del costo dei tagliandi tale guadagno non è stato proporzionato”. Quindi ammette: “E' una forma di protesta”.

L'azienda

Intanto Asf, contattata sul tema ha fatto sapere che “è in corso una trattativa con il personale per estendere ed incrementare il servizio di vendita a bordo”. “Questo servizio – evidenziano - è stato attivato nel 2008, tramite un accordo nato per andare incontro alle esigenze della nostra clientela e migliorare il servizio, che prevede anche che conducenti di linea percepiscano una indennità correlata al numero di biglietti venduti a bordo”. Ma, passaggio più importante, l'azienda spiega anche che “tale accordo non autorizza in nessun caso i nostri autisti a far viaggiare passeggeri sprovvisti di titolo di viaggio. Prendiamo dunque atto della segnalazione e procediamo a effettuare verifiche e approfondimenti del caso”.

Nessun chiarimento però sul contratto di servizio o sull'ipotizzata libera scelta dei conducenti a proposito della vendita dei biglietti

Infine, una precisazione

Per quanto riguarda il biglietto emesso dai parcometri è bene evidenziare un passaggio. Abbiamo acquistato il tagliando e lo abbiamo presentato sul bus a un autista che però non lo ha ritenuto valido.Pensava volessimo truffarlo. Dopo qualche battibecco ci ha fatto viaggiare gratis (a suo modo di vedere) lo stesso.

Si parla di

Video popolari

Viaggiare gratis sui bus. A Como si può

QuiComo è in caricamento