Sabato, 18 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via Manzoni, famiglie fuori casa. Abate (Vvff): "Cedimenti su più piani, soluzione non immediata"

"Potrebbe non esserci una soluzione immediata, si sta facendo di tutto per far tornare le famiglie nelle abitazioni ma questo deve accadere in piena sicurezza". Così si è espresso attorno a mezzogiorno il comandante dei vigili del fuoco Mario...

"Potrebbe non esserci una soluzione immediata, si sta facendo di tutto per far tornare le famiglie nelle abitazioni ma questo deve accadere in piena sicurezza". Così si è espresso attorno a mezzogiorno il comandante dei vigili del fuoco Mario Abate, al termine del sopralluogo condotto assieme ai suoi uomini negli appartamenti del palazzo di via Manzoni 12 dove ieri sera si sono aperte fessurazioni nelle pareti. La situazione, dunque - sebbene sia assolutamente prematuro tirare conclusioni di qualsiasi tipo - sembra decisamente complicata. A stamane le 55 famiglie sfollate ieri sera non avevano ancora ottenuto alcun via libera per ritornare nei propri alloggi, anche se i vigili del fuoco hanno coordinato per tutta la mattina gli accessi dei proprietari e degli inquilini ai rispettivi appartamenti per recuperare abiti e generi di necessità. Già da ieri sera, il Comune di Como ha messo immediatamente a disposizione alcuni posti letto d'emergenza al Don Guanella, molti altri hanno trovato accoglienza da parenti e amici mentre una minoranza ha comunque preferito pernottare in albergo.

Ingente lo spiegamento di forze nei pressi del palazzo, con agenti della polizia locale a garantire la sicurezza e la sorveglianza e i vigili del fuoco - in coordinamento con i tecnici del cantiere per l'hotel in costruzione accanto al condominio e con l'amministrazione comunale - impegnati tutta la mattina in verifiche e ispezioni sia negli appartamenti, sia nella zona dei lavori. Per quanto riguarda possibili legami tra il cantiere per l'albergo e le fessurazioni - nesso ad oggi non provato in alcun modo ufficialmente - sempre il comandante dei vigili del fuoco ha confermato che sono in corso approfondimenti specifici perché, in linea teorica e vista l'adiacenza delle zone in questione, non sono escludibili a priori. Una parola definitiva in un senso o nell'altro verrà però unicamente dall'esito dei sondaggi in corso sulla causa delle lesioni, che si estendono dal piano più alto fino al primo del palazzo, soprattutto nella zona centrale.

Anche l'amministratore del condominio, Federico Jovino - intervistato, però, prima del comandante dei vigili del fuoco Mario Abate - ha confermato che non vi è ancora certezza sul rientro degli abitanti nel palazzo. Nel frattempo - ancora mentre scriviamo - in Comune a Como è in corso una riunione tecnica con tutte le parti in causa, compreso il sindaco di Como Mario Lucini. L'obiettivo è fare il punto sul problema strutturale registrato nell'edificio, mettere a punto i prossimi interventi di monitoraggio ed eventuale messa in sicurezza e naturalmente stimare quando i condomini potranno fare ritorno nelle proprie abitazioni. Non appena avremo notizie in merito, aggiorneremo. In ultimo, da sottolineare che via Manzoni stamane è percorribile normalmente e i negozi al piano terra del palazzo sono aperti regolarmente. https://www.youtube.com/watch?v=DXHbUcrCth4
Si parla di

Video popolari

Via Manzoni, famiglie fuori casa. Abate (Vvff): "Cedimenti su più piani, soluzione non immediata"

QuiComo è in caricamento