Valico di Brogeda, sequestrati oltre 26 mila euro a un cittadino italiano residente in Germania

L'uomo non ha dichiarato alla guardia di finanza 62 mila euro che aveva con sé

Guardia di Finanza

Affermava di non trasportare valuta al seguito, ma non è bastato ad evitare i controlli dei militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso. Si tratta di un cittadino italiano, impiegato nella settore della ristorazione, da tempo residente in Germania, che rientrava in Italia attraverso il valico autostradale di Como-Brogeda con al seguito un’ingente quantità di denaro contante.

La somma di 62.000 euro, importo superiore a quanto previsto dalle vigenti normative in materia di circolazione transfrontaliera di valuta, era equamente divisa in due “pochette” riposte nel bagaglio a seguito, il tutto scoperto grazie al nervosismo manifestato dall’uomo ai finanzieri in servizio al valico dopo la domanda di rito volta a raccogliere dichiarazioni circa l’eventuale possesso di merce e/o valori. Colto sul fatto, ha affermato di aver con sé tale somma di danaro per far fronte a spese personali e familiari e di aver omesso volontariamente di presentare la prevista dichiarazione valutaria.

finanza sequestro-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pertanto, ai sensi del D.Lgs. nr.195/2008, i finanzieri, unitamente ai funzionari doganali, hanno proceduto al sequestro di oltre 26.000,00 euro, pari al 50% dell’importo complessivo rinvenuto eccedente la franchigia ammessa di euro 9.999,99, nei confronti del ristoratore. La contestazione degli illeciti amministrativi valutari si colloca nel più ampio dispositivo che vede le Fiamme Gialle lariane, unitamente alla locale Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, impegnate nella prevenzione e nella repressione delle violazioni in materia di movimentazione transfrontaliera di valuta e titoli di credito, in continua e crescente ripresa dalla fine del periodo emergenziale, in relazione ai compiti istituzionali attribuiti alla Guardia di Finanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lettera di un'insegnante del Liceo Giovio che annienta la ministra Azzolina

  • Nuovo Dpcm, la bozza: chiuse le palestre, orario ridotto di negozi, bar e ristoranti

  • Grave al Sant'Anna per covid chiede plasma iperimmune: il comitato etico dice no

  • Nuovo dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18

  • Le 5 pasticcerie più buone di Como

  • Lombardia, Fontana firma la nuova ordinanza: confermato il coprifuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento