Cronaca

"Uffici chiusi, informazioni scarse, incuria e burocrazia": la furia di Masocco sulle Poste

"Una vergogna". Il consigliere comunale di Cantù, Giorgio Masocco - un lungo passato nella Lega, diventata, dopo un doloroso addio, una sorta di nemico giurato - non è nuovo a certe esplosioni di collera balzate non di rado anche alla ribalta...

giorgio-masocco-2

"Una vergogna". Il consigliere comunale di Cantù, Giorgio Masocco - un lungo passato nella Lega, diventata, dopo un doloroso addio, una sorta di nemico giurato - non è nuovo a certe esplosioni di collera balzate non di rado anche alla ribalta nazionale. E nella mattina di martedì, quando in 3 distinte occasioni ha avuto a che fare con le Poste Italiane, non ci ha visto più. "Mi sono prima recato nella sede di Cantù Centro - racconta Masocco - e ho trovato chiuso perché dal giorno prima erano in corso lavori strutturali. Poco male, ho pensato, e mi sono recato nella filiale delle Poste in località Pianella. Niente, chiuso anche lì perché dal 21 giugno è già partito l'orario estivo con le chiusure a giorni alterni".

A questo punto, già fumantino, Masocco ha pure notato che l'unica alternativa indicata era a Mariano Comense. "Né Senna Comasco né Capiago erano indicate come alternative - è sbottato il consigliere canturino - E io che per alcuni pagamenti a servizio dei miei clienti già avevo perso la mattina per il loro mancato coordinamento, scarse segnalazioni e disguidi vari, ho comunque deciso di andare a Senna Comasco. Apriti cielo. "Davanti all'ufficio postale, che quantomeno era aperto - racconta Masocco - ho notato l'incuria totale in cui versano alcune aree verde attorno all'edificio tra erbacce, ciuffi verdi che spuntavano ovunque, aiuole ridotte a cespugli. A quel punto ho chiesto spiegazioni al direttore e mi è stato detto che la situazione è così perché devono rispettare un appalto che prevede soltanto due tagli all'anno dell'erba, qualsiasi siano le condizioni della zona. Insomma, mix di burocrazia, mancato coordinamento e perdite di tempo che mi hanno fatto perdere ore di lavoro e soprattutto, anche se la vicenda può sembrare piccola, mi ha convinto ancora una volta che questa Italia, conciata così, non ce la farà mai".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Uffici chiusi, informazioni scarse, incuria e burocrazia": la furia di Masocco sulle Poste

QuiComo è in caricamento