menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tromba d'acqua sul lago: video e foto mozzafiato da Zurigo

Tromba d'acqua sul lago: video e foto mozzafiato da Zurigo

Tromba d'acqua sul lago: video e foto mozzafiato da Zurigo

https://www.youtube.com/watch?v=u0OujGspqJQ (Foto e Video da Ticinonline/20 Minuten) E' successo poco prima delle 10 di questa mattina - 5 settembre - sul lago di Zurigo. Una tromba d'acqua si è formata sulla superficie dell'acqua...

https://www.youtube.com/watch?v=u0OujGspqJQ

(Foto e Video da Ticinonline/20 Minuten)

E' successo poco prima delle 10 di questa mattina - 5 settembre - sul lago di Zurigo. Una tromba d'acqua si è formata sulla superficie dell'acqua creando non poca apprensione tra i residenti. Pur assomigliando a un tornado il fenomeno registrato oggi si differenzia radicalmente per potenza e velocità molto inferiori, inoltre non si muove sulla terra.

La velocità stimata della tromba d'acqua è stata compresa tra 10 e 25 chilometri orari. SRF Meteo, il servizio meteorologico della radiotelevisione della Svizzera tedesca, sulle pagine di Ticino On Line spiega: "affinché il fenomeno atmosferico possa realizzarsi, è necessario che strati di aria fredda (o perlomeno fresca) e molto instabile si muovano su acque calde (o relativamente calde). L'aria fredda si riscalda al di sopra del lago e comincia a salire, come avviene per una mongolfiera. A dipendenza delle condizioni di vento quest'aria in ascensione comincia a ruotare su se stessa e il vortice si restringe e accelera. L'aumento della velocità di rotazione può essere paragonato all'accelerazione di un pattinatore che gira su se stesso, spiega SRF Meteo. Stamani la temperatura dell'acqua di superficie dell'Obersee era di 22 gradi. Quella dell'aria sulle rive del lago invece raggiungeva appena 13 gradi e persino solo 8,5 gradi sull'Uetliberg (ZH), 450 metri sopra il livello del lago. Le trombe d'acqua non possono avanzare sulla terra ferma proprio perché, date le modeste temperature al suolo, viene a mancare l'energia necessaria. Questi fenomeni in Svizzera sono rari e, poiché spesso associati a temporali, anche poco visibili. Il periodo più propizio è la fine dell'estate quando i laghi sono ancora caldi e l'aria fresca d'autunno comincia a fluire. Nella Confederazione è il lago di Neuchâtel a offrire più spesso le condizioni necessarie, con l'aria fredda che dalla catena del Giura scende sulle temperate acque del bacino".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento