Cronaca

Trentamila euro per il Gloria: Comune e Arci Xanadù verso l'intesa

Potrebbe essere il Comune di Como a risolvere la stragrande maggioranza dei problemi economici dello Spazio Gloria gestito dal Circolo Arci Xanadù. In queste ore, infatti, è in corso una trattativa tra amministrazione (segnatamente da parte del...

Potrebbe essere il Comune di Como a risolvere la stragrande maggioranza dei problemi economici dello Spazio Gloria gestito dal Circolo Arci Xanadù. In queste ore, infatti, è in corso una trattativa tra amministrazione (segnatamente da parte del vicesindaco Silvia Magni) e circolo per un doppio scambio. Palazzo Cernezzi - su una richiesta avanzata dalla controparte - sta vagliando la concessione di un contributo economico di 30mila euro su un arco triennale allo Xanadù (3 rate da 10mila euro all'anno). Di contro, l'amministrazione otterebbe la possibilità di poter usufruire per almeno un giorno alla settimana da stabilirsi (fatta eccezione per i periodi di chiusura) della sala dello Spazio Gloria per eventi propri o in collaborazione con scuole, associazioni e altri partners istituzionali.

Come detto, l'ipotesi di accordo è stata messa nero su bianco e sottoposta alla giunta dal circolo Arci e nei prossimi giorni - ma presumibilmente in tempi piuttosto ravvicinati - la giunta prenderà una decisione, che molto probabilmente accoglierà la bozza in questione. "Abbiamo ricevuto una proposta - conferma il vicesindaco Silvia Magni - La stiamo analizzando ma non è stata presa ancora una decisione ufficiale. Prima servirà anche un confronto diretto con i proponenti, che non abbiamo ancora avuto. Detto questo, la proposta ha sicuramente aspetti interessanti anche per il Comune".

Va ricordato, in ultimo, che circa 30mila euro era esattamente la cifra che il Circolo Arci Xanadù cercava da diverso tempo per ottemperare a una lunga serie di manutenzioni e messe in sicurezza della struttura di via Varesina, altrimenti a rischio chiusura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trentamila euro per il Gloria: Comune e Arci Xanadù verso l'intesa

QuiComo è in caricamento