Capotreno presa a pugni sulla linea Como-Milano da un passeggero senza biglietto

Trenord: "Sono intervenuti due addetti alla sicurezza"

È accaduto lo scorso venerdì 17 gennaio 2020 ed oggi Trenord, tramite un comunicato, ha voluto chiarire la sua posizione. Ieri, infatti, un ennesimo episodio di violenza è avvenuto su un treno, sulla tratta Como San Giovanni in direzione Rho, all'altezza della stazione di Seregno. La capotreno, intorno alle 10.15 del mattino, ha colto un un viaggiatore sdraiato sul sedile e per lo più senza biglietto. L'uomo è stato invitato a scendere ma quando il convoglio si stava fermando in prossimità della stazione, ha preso a pugni la giovane.

Molti organi di informazione hanno riportato che la scena sarebbe avvenuta nella totale indifferenza e che nessuno sarebbe intervenuto in aiuto della capotreno. 

Nel comunicato Trenord specifica invece che: «Sono immediatamente intervenuti due operatori della funzione security e, grazie alla collaborazione di un capotreno di un treno successivo, è stato possibile incrociare le informazioni per identificare il presunto aggressore. I due funzionari della security hanno assistito la nostra capotreno durante le visite in ospedale, dove le sono stati riconosciuti 10 giorni di prognosi».

Tutte le altre informazioni, continua il comunicato, sono state riportate alle Forze dell'Ordine e al momento non si possono fornire ulteriori dettagli. Secondo alcune testimonianze però il passeggero che avrebbe preso a pugni la capotreno sarebbe un italiano di mezza età. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, continuano a salire i contagi: in Lombardia sono 212

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento