menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
guerra-braga-30gen16

guerra-braga-30gen16

Tra Legge di Stabilità e grana paratie, i fab four del Pd a Maroni: "Non smembrerà il lago"

I fab-four del Partito Democratico di Como - i deputati Chiara Braga e Mauro Guerra, assieme al consigliere regionale Luca Gaffuri e al segretario provinciale Angelo Orsenigo - hanno presentato questa mattina i punti forti della Legge di Stabilità...

I fab-four del Partito Democratico di Como - i deputati Chiara Braga e Mauro Guerra, assieme al consigliere regionale Luca Gaffuri e al segretario provinciale Angelo Orsenigo - hanno presentato questa mattina i punti forti della Legge di Stabilità approvata in mesetto fa. Un tour democratico che, attraverso i parlamentari di ogni regione, sta toccando tutta Italia e che oggi ha visto la tappa lariana. Domani, peraltro, come ha spiegato Orsenigo, le sedi del Pd di Bregnano-Vertemate, Lomazzo, Cantù, Guanzate e Albiolo saranno aperte dalle 10 alle 12 "per chi volesse conoscere e approfondire il lavoro fatto a Roma, le misure in vigore e le ricadute sul territorio".

chiara-braga-30gen16"Questa Legge di Stabilità - ha detto Chiara Braga - è stata sviluppata tenendo presenti due fronti in particolare: mantenere i conti in ordine e nel contempo creare maggiori possibilità di sostegno agli investimenti pubblici e privati per aiutare la ripresa delle economia, il tutto mantenendo nei fatti l'impegno della riduzione delle tasse sui cittadini e sugli immobili, come dimostrano l'eliminazione dell'Imu, della Tasi sulla prima casa, delle imposte sui terreni agricoli per i terreni montani e sugli imbullonati, tra le altre. Accanto a queste misure, inoltre, i bonus per le ristrutturazioni e per le riqualificazioni energetiche, oltre a quelli per gli acquisti di mobili e i 500 milioni stanziati per riqualificare le periferie dei capoluoghi e delle città metropolitane possono avere forte incidenza positiva anche sul nostro territorio".

guerra-mauro-30gen16Guerra, dopo aver rivendicato "i 2 miliardi di risorse, gli 80 euro mensili per gli appartenenti alle forze dell'ordine e le 5.500 assunzioni previste nel 2016 per la sicurezza dove Lega e centrodestra tra il 2009 e il 2011 avevano diminuito di 3 miliardi i fondi", ha sottolineato anche "i 16,8 miliardi di euro usati per disinnescare le clausole di salvaguardia ereditate dai precedenti governi, per un totale di 22 miliardi di euro tra diminuzione del carico fiscale esistente o e contenimento di quello programmato".

Sul fronte prettamente comasco, sottolineata "la copertura che noi abbiamo fatto diventare strutturale per lo sconto benzina, con la prospettiva concreta che la somma necessaria venga prossimamente ricavata direttamente dalle maggiori accise incamerate dalla Stato grazie al trattenimento in Italia degli automobilisti". Confermata la copertura statale per i mancati introiti comunali legati alla sparizione della Tasi ("Con restituzione di somme pari all'aliquota base anche per chi la Tasi non l'applicava") e "i 245 milioni per le province". Rivendicati, inoltre, "il superamento dei vincoli del patto di stabilità dopo tanti anni di proteste e contestazioni senza atti concreti" e l'eliminazione della tassa di possesso sulle imbarcazioni a favore della nautica. tangenziale-7sett15-1Sui temi prettamente locali, per quanto riguarda Tangenziale ogni novità è stata rimandata all'elaborazione degli studi concordati nel corso dell'incontro a Roma di una settimana fa con cui Pedemontana calcolerà veramente costi e benefici delle ipotesi in campo per cancellare o almeno alleggerire il pedaggio sulla Tangenziale di Como (dalla redistribuzione dei 63 centesimi su altre uscite/entrate e interconnessioni con la A9, fino agli sconti progressivi ipotizzati dalla società); sulla Variante della Tremezzina, in attesa di una parola definitiva del governo dopo il no della Soprintendenza al progetto, Guerra ha affermato che "la sola messa in sicurezza fino al 2018 dei 210 milioni da parte del governo indica chiaramente la volontà di trovare una soluzione positiva per arrivare alla realizzazione dell'opera". lungolago-paratie-feb-15Paratie sullo sfondo, invece, con Chiara Braga che ha sottolineato come a oggi "non vi siano evoluzioni ulteriori, sebbene siano in corso approfondimenti e si sia comunque al lavoro per evitare di dover ripartire da zero". Guerra ha aggiunto che "si sta lavorando per trovare le soluzioni giuridiche e tecniche di legittimità piena che possano essere perseguibili date le condizioni. Non stiamo solo aspettando, però le soluzioni a temi così complessi non nascono sotto i cavoli ma si costruiscono col tempo".

Dove il deputato e sindaco di Tremezzina ha usato parole meno diplomatiche è stato sul tema delle cosiddette Aree Vaste, ossia le aggregazioni istituzionali e territoriali che dovranno sostituire le moribonde Province. "Como e il suo territorio non si faranno sbranare - ha affermato - Il punto imprescindibile per ogni nuova aggregazione è e resterà l'integrità del lago, poi vedremo se "sposarci" con altri soggetti oltre a Lecco ma il riferimento resterà il Lario. Se la proposta della Regione, che certamente ha la competenza per farla, fosse oltre ogni ragionevolezza e volesse disintegrare il territorio, il governo sicuramente interverrà".

Sulla stessa linea anche il consigliere regionale dem, Luca Gaffuri (che da commercialista ha plaudito molto agli interventi romani su ammortamento dei beni strumentali al 140%, futuro abbattimento di 3,5 punti dell'Ires, provvedimenti per l'edilizia e la nuova formula del leasing abitativo). "Sulle aree vaste - ha concluso Gaffuri - Maroni ha preso l'ennesima cantonata (il progetto di riordino veniva ipotizzato in Cantoni dal governatore, ndr). L'unica idea di fondo è salvare Varese e per fare questo viene usata la provincia di Como come uno spezzatino per far sempre quadrare i conti. Ma questa politica da noi non sarà mai accettata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento