Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Traffico del girone bloccato dal corteo di protesta dei taxi di Como

I taxi di Como hanno fatto sentire la loro voce, o meglio, il loro clacson, in segno di protesta contro le liberalizzazioni delle licenze stabilite dal Governo Monti: con un lungo corteo hanno percorso quasi a passo d'uomo il girone per due volte...

I taxi di Como hanno fatto sentire la loro voce, o meglio, il loro clacson, in segno di protesta contro le liberalizzazioni delle licenze stabilite dal Governo Monti: con un lungo corteo hanno percorso quasi a passo d'uomo il girone per due volte. Inevitabili i disagi al traffico. Dopo essersi riuniti per un presidio in piazza Perretta alle 8, i taxisti comaschi sono saliti a bordo delle loro auto alle 10 e hanno sfilato intorno al centro storico, percorrendo il lungolago, via Cavallotti, viale Varese, viale Cattaneo e viale Lecco, per poi ripetere il giro.

In testa al corteo, per garantire lo svolgimento della manifestazione nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e ordine pubblico c'erano le auto della questura di Como, mentre la polizia locale regolava la viabilità agli incroci più importanti. "Si tratta di uno sciopero che è cominciato alle 8 della mattina - ha spiegato Carlo Scorsone, presidente dei taxisti di CNA - e terminerà alle 22. Garantiremo solo il servizio alle persone disabili e anziane".

Ma la protesta non è stata solo contro il Governo. I taxisti chiedono di esserre ascoltati anche su base locale. C'è infatti il problema del servizio collegato all'ospedale Sant'Anna di San Fermo. Ad oggi non è possibile per i taxisti comaschi sostare in fila fuori dall'ospedale. "Il Comune di San Fermo - ha spiegato Marco Taroni di Radiotaxi - non ha dato il consenso. Non ci permette di sostare fuori dall'ospedale e quindi dobbiamo sempre partire da Como per andare a prendere i clienti all'ospedale. mentre, invece, potrebbero trovarci già lì fuori".

Si parla di

Video popolari

Traffico del girone bloccato dal corteo di protesta dei taxi di Como

QuiComo è in caricamento