Cronaca

Tassista di Carugo ucciso sulla Milano-Meda: arrestato il pirata della strada

Sarebbe stata proprio la sua Audi a tamponare una Fiat 600 con due fidanzati. I dettagli

Un giovane è stato arrestato dalla polizia con l'accusa di essere il responsabile dell'incidente stradale (quindi per fuga ed omissione di soccorso) che ha provocato la morte del tassista Eugenio Fumagalli sulla Milano Meda alle 3:30 del 13 gennaio.

I poliziotti lo avevano già preso verso le nove di mattina del giorno dell'incidente. Nonostante tutto, era tornato a casa sua come se nulla fosse successo e aveva lasciato l'auto, distrutta, in strada. Si tratta di un giovane di ventisei anni, che era alla guida di una Audi A3 color blu notte. 

Tassista travolto da due auto

Sarebbe stata proprio l'Audi a tamponare una Fiat 600 con due fidanzati a bordo nei pressi dell'uscita di Binzago, a Cesano Maderno. La macchina dopo l'impatto si è ribaltata, mentre lui si sarebbe allontanato. Pochi attimi dopo è arrivato il tassista, che si è fermato ed è sceso dalla vettura per prestare soccorso ai due giovani. Da dietro però sono arrivate altre due macchine, che non sono riuscite a evitare l'impatto con la 600 e con l'uomo. 

Chi è il pirata

Il 47enne, colpito con violenza, è stato sbalzato a decine di metri di distanza ed è morto praticamente sul colpo. Altre tre persone - i due fidanzati a bordo della 600 e un ventunenne - sono invece rimaste ferite in maniera lieve.  A quel punto è iniziata la caccia all'uomo e la Stradale di Milano - guidata dal commissario Gabriele Fersini - lo ha trovato quattro ore e mezza dopo a casa sua, in Brianza. Gli agenti lo hanno sottoposto all'alcol test, accompagnato sul luogo dello schianto e poi in ospedale per ulteriori accertamenti. Ai poliziotti, secondo quanto appreso da MilanoToday, ha spiegato di aver avuto paura e di essere scappato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassista di Carugo ucciso sulla Milano-Meda: arrestato il pirata della strada

QuiComo è in caricamento